(Sesto Potere) – Longiano – 27 dicembre 2021 – Il lavoro di ricerca di diffusione dell’arte e di collaborazione hanno fatto si che alla Fondazione Tito Balestra arrivasse un bel regalo di Natale.  Infatti una delle più importanti riviste sudafricane dedicata alla poesia, “Stansaz Poetry Magazine“, ha inserito nella sua ultima pubblicazione “In una morbida luce” la poesia di Tito Balestra (l’autore nella foto in alto) pubblicata sul libro “Se hai una montagna di neve tienila all’ombra” Garzanti 1979 tradotta in inglese da Douglas Reid Skinner e da Marco Fazzini. 

Flaminio Balestra

Questo riconoscimento arriva grazie alla collaborazione tra la Fondazione Balestra e Marco Fazzini, ospite tra l’altro nel 2014 per la rassegna “le Ali della Libellula”; docente presso l’Università di Ca’ Foscari, Venezia, nonché critico e traduttore freelance, redattore di contributi esteri per le riviste letterarie «Ali» e «Il Tolomeo», e redattore di collane per la casa editrice Edizioni del Bradipo. Ha pubblicato articoli e libri sulle letterature postcoloniali e ha tradotto alcuni dei maggiori poeti contemporanei di lingua inglese. 

Fazzini è in stretta relazione con Douglas Reid Skinner direttore della rivista “Stanzas”, insieme , sono stati  insigniti del Primo Premio congiunto della British Comparative Literature Association 1995, Open Translation Prize per una selezione di traduzioni dall’opera del poeta italiano Valerio Magrelli.

Grande soddisfazione naturalmente da parte del Direttore della Fondazione, Flaminio Balestra, che dichiara: ”Un risultato frutto di tanto lavoro che spesso non viene percepito. Non è la prima volta che la poesia di Tito Balestra varca i confini nazionali; già nel 2000 con le  traduzioni in spagnolo di Danilo Manera alcune poesie nell’edizione Prensa Alternativa giunsero alla Fiera Internazionale del Libro dell’Havana e ottennero ottime recensioni nel continente sudamericano. Lavoriamo ogni giorno affinché cultura, ricerca e divulgazione vadano a braccetto, seminiamo e istilliamo il seme della curiosità e della conoscenza, questo è il nostro lavoro”.

Di seguito la poesia di Tito Balestra:

In una morbida luce

sei più bella, è più delicata

l’aria che respiriamo

in una morbida luce

la distanza che ci separa

è più breve:

potremmo guardarci

se tu mi guardassi.