Longiano, rassegna “Sagge sono le Muse”: concerto del maestro Libetta

0
163

(Sesto Potere) – Longiano – 15 luglio 2021 – La sezione musicale delle rassegna “Sagge sono le Muse” parte venerdì 16 luglio alle ore 21.00 con un interessantissimo concerto curato dal Maestro pianista , compositore e direttore d’orchestra internazionale Francesco Libetta (nella foto in alto, ndr).

Ad alternarsi al pianoforte giovani ma già affermati musicisti del calibro di Francesco Giovinazzo, Marco Ercolani, Luca Chiandotto. che eseguiranno brani tratti dal repertorio di Robert Schumann, Isaac Albeniz, Franz Liszt. Un concerto “romanticoquello che si ascolterà nella splendida corte Carlo Malatesta del Castello malatestiano partendo da Shumann compositore romantico per eccellenza passando per List e il suo virtuosismo fino ad arrivare alle musiche più folcloristiche e tradizionali di Isaac Albeniz.

La serata sarà presentata e raccontata da Francesco Libetta il poliedrico e virtuoso pianista che il Il New York Times  ha definito un “aristocratico poeta della tastiera con il profilo e il portamento di un principe rinascimentale”, e Le Monde de la Musique  “l’erede dei Moritz Rosenthal, dei Busoni e dei Godowsky”.

Entro le 20.30 sarà possibile visitare la galleria d’arte moderna e contemporanea annoverata tra i musei più importanti dell’Emilia-Romagna. Ingresso libero fino ad esaurimento posti con prenotazione obbligatoria allo 0547 665850 dal martedì alla domenica delle ore 16.00 alle ore 20.00 oppure via mail a info@fondazionetitobalestra.org. La manifestazione si svolge nel rispetto della vigente normativa covid 19. In caso di maltempo il concerto si terrà alla Sala dell’Arengo all’interno del Castello malatestiano e in diretta streaming.

Sagge sono le Muse è organizzata dalla Fondazione Tito Balestra onlus (https://www.facebook.com/FondazioneBalestra) in collaborazione con San Marino Artist, San Marino International Music Summer Courses e gode del patrocinio del Comune di Longiano, del contributo di Romagna Iniziative e per il primo anno è co-finanziata dalla legge 37 /1994 della Regione Emilia-Romagna