Lockdown e inquinamento pianura padana, presentazione rapporto Prepair

0
395

(Sesto Potere) – Bologna – 15 giugno 2020 – Il contesto di lockdown determinatosi per arginare una situazione pandemica così aggressiva e tragica, ha spinto le regioni del bacino padano (dove maggiori sono stati gli effetti della pandemia) ad attivare – nell’ambito del Progetto Europeo LIFE Prepair – uno studio finalizzato alla valutazione degli effetti sulla qualità dell’aria delle misure di contenimento dell’emergenza Covid-19, i cui risultati saranno presto resi noti.

Le numerose implicazioni sanitarie hanno spinto contemporaneamente anche ENEA, ISPRA, ISS e SNPA a lanciare un progetto di respiro nazionale congiunto denominato Pulvirus, con l’obiettivo di offrire a istituzioni e cittadini informazioni, risposte e indicazioni, sulla base di dati scientifici, competenze ed esperienze in tema di inquinamento atmosferico e COVID-19.

In particolare Pulvirus vuole approfondire: il discusso legame fra inquinamento atmosferico e diffusione della pandemia, le interazioni fisico-chimiche-biologiche fra polveri sottili e virus e gli effetti del lockdown sull’inquinamento atmosferico e sui gas serra.

Il progetto è realizzato in stretto rapporto con Life Prepair – che fornirà dati e strumenti di analisi sul bacino Padano – ed in raccordo con il Servizio pre-operativo nazionale in via di definizione “Qualità dell’Aria – Mirror Copernicus”. 

“Pulvirus” si svilupperà sull’arco di un anno, ma nel giro di pochi mesi saranno comunque già disponibili alcuni risultati significativi, fra i quali l’analisi di fattibilità di un sistema di rivelazione precoce (da attivare possibilmente prima della prossima stagione autunnale). Inoltre dati, modelli ed elaborazioni, verranno resi disponibili al pubblico e alla comunità scientifica attraverso un apposito sito web, costituendo una importante base di dati per gli studi successivi.

I risultati dello studio preliminare degli effetti delle misure Covid-19 sulle emissioni in atmosfera e sulla qualità dell’aria nel Bacino Padano verranno presentati venerdì 19 giugno alle 11.30, in diretta sul canale YouTube del progetto europeo LIFE Prepair.

La ricerca, realizzata dai partner del progetto LIFE Prepair, si occupa dell’andamento della qualità dell’aria nel bacino del Po nel mese di marzo 2020, nel periodo in cui sono progressivamente entrate in vigore le misure di contenimento dell’epidemia.

La situazione inedita che si è creata, è stata anche l’occasione per studiare le complesse dinamiche della qualità dell’aria in una delle aree più critiche d’Europa, quella del Bacino Padano, che purtroppo è anche tra le aree più drammaticamente colpite dall’emergenza sanitaria.

Il primo studio si occupa quindi di osservare e interpretare quanto successo nel mese di marzo; nei prossimi mesi verrà pubblicato un ulteriore approfondimento riferito al mese di maggio.

LinkIscrizioni all’evento Facebook
Per seguire la diretta online

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here