Lingua inglese al Nido e in scuole dell’ infanzia: in Emilia-Romagna 1° progetto pilota in Italia

0
137

(Sesto Potere) – Bologna – 5 agosto 2021 – Insieme alla vicepresidente Elly Schlein, il governatore della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha presentato “Sentire l’inglese”, il primo progetto in Italia che sperimenta, già dal prossimo autunno, l’approccio alla lingua inglese da parte dei bambini da 0 a 6 anni di età, iscritti ai nidi e alle scuole dell’infanzia della regione.

Conferenza stampa progetto inglese nidi e scuole infanzia

Si parte con 76 nidi e materne “pilota”, in partnership con l’Università di Bologna per la parte pedagogica e la formazione di educatori ed insegnanti.

Un progetto a misura di bambino: tra le varie attività, si lavorerà per riconoscere il suono delle parole, imparare a collegarle agli oggetti più comuni e a ripeterle per comunicare anche in lingua inglese.

Dal primo anno educativo di avvio (2021-22), la sperimentazione coinvolgerà 2 servizi educativi (inizialmente nidi d’infanzia) di ciascuno dei 38 distretti sociosanitari dell’Emilia-Romagna, per un totale complessivo di 76 progetti pilota equamente distribuiti su base territoriale.
Successivamente, i progetti potranno essere triplicati di anno in anno, fino alla completa copertura dei servizi educativi del territorio.

Consejos para aprender inglés en la edad adulta | Fuenlabrada Noticias

“Gli asili nido sono nati in Emilia-Romagna: per questo è giusto che proprio qui si facciano i passi avanti necessari per migliorare e qualificare i servizi all’infanzia, facendo da apripista a tutto il Paese. Con l’obiettivo di estendere ad ogni bambino e bambina la possibilità di accedere, senza costi per le famiglie, esattamente come avviene nelle scuole. Una società della conoscenza la si costruisce dalle fondamenta: partendo dai bambini e pensando ai diritti di tutti”: scrive Bonaccini.

“Per il Dipartimento di Scienze dell’Educazione “G.M. Bertin” dell’Università di Bologna questa convenzione con la Regione Emilia Romagna rappresenta una opportunità fondamentale di portare avanti una ricerca-formazione triennale innovativa sull’inserimento delle sonorità della lingua inglese all’interno della quotidianità dei servizi 0-3-6, nel rispetto di altre lingue, della multiculturalità e del naturale processo di crescita cognitiva ed emotiva dei bambini nella fascia 0-3-6”: afferma Licia Masoni, docente Università di Bologna e coordinatrice del progetto.