(Sesto Potere) – Faenza/Firenze – 10 gennaio 2022 – Anche la linea ferroviaria “Faentina” è stata inserita dal Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile nella ristretta lista di linee che vedranno la sperimentazione dell’alimentazione a idrogeno. 

Attualmente la linea è gestita da Trenitalia, che ha fatto proprio il progetto condiviso tra Regione Toscana, Regione Emilia-Romagna e Città metropolitana di Firenze.

treno-regionale-e-r

La notizia è stata salutata positivamente dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani che in una nota afferma: “È un risultato che premia l’impegno della Regione e che ci regala una bella soddisfazione”.  “Parliamo di un balzo notevole verso il futuro – spiega Giani – che metterà alle spalle sia l’attuale alimentazione a diesel dei convogli sia tutte le questioni legate all’elettrificazione della linea che si presenta complessa e costosa vista la conformazione dei territori che attraversa e la loro delicatezza sul piano ambientale e paesaggistico”.

“Presto passeremo alla convocazione del tavolo tecnico sulla fattibilità dell’opera” conclude Giani, che ricorda: “il progetto dovrà prevedere anche la costruzione nell’area fiorentina di una stazione di stoccaggio ed erogazione dell’idrogeno ed è in linea con le linee guida del Pnrr, prefigurando un modello di mobilità ferroviaria pienamente sostenibile”.

Anche il governatore dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini plaude alla sperimentazione: Puntiamo a treni ad idrogeno nella tratta Firenze-Faenza. Con Rete Ferroviaria Italiana e Regione Toscana al lavoro per studio di fattibilità, poi realizzazione progetto grazie a risorse del Pnrr”.

“Assieme a Regione Toscana e Rfi presto insedieremo un tavolo tecnico per verificare la fattibilità e quindi dare una prospettiva concreta al progetto. Facendo affidamento sulle risorse messe a disposizione dal Pnrr per la modernizzazione dell’infrastrutture ferroviarie, aggiungo che è il momento giusto per passare all’idrogeno, in particolare dove l’elettrificazione delle linee non è conveniente, come nel caso della linea Faentina”: ha dichiarato o l’Assessore regionale al Turismo dell’Emilia Romagna Andrea Corsini.