Like a post che inneggia Hitler, perquisito e indagato consigliere Lega di Ferrara

0
164

(Sesto Potere) – Ferrara – 9 settembre 2020 – Aveva clikkato un ‘like’ sotto al post dell’imprenditore ferrarese Marco Faccini che prendeva di mira il cantante Sergio Sylvestre, vincitore della 15esima edizione di “Amici” di Maria De Filippi, che nel giugno scorso allo stadio Olimpico di Roma aveva cantato (con il pugno alzato e la frase di chiusura “no justice, no peace“) l’Inno di Mameli in apertura della finale di calcio di Coppa Italia: Napoli – Juventus.

“Ma quel signore con i baffi che adoperava i forni non c’è più?”: la frase razzista (si evocavano per il cantante nero e statunitense ma da tempo in italia, Hitler ed i forni crematori, ndr) scritta da Faccini sulla sua pagina Facebook , a corredo di un’immagine del musicista con la scritta a lettere maiuscole “Vergogna” ed il quesito: “Chi ha mandato questo “signore” a rovinare l’inno nazionale?” (vedi foto a lato, ndr).

Ed alla fine la magistratura – con un fascicolo aperto dal pubblico ministero Andrea Maggioni – s’è attivata, sono state effettuate perquisizioni e sequestri (dei computer e telefoni cellulari) da parte degli agenti della Digos, e Luca Caprini, consigliere comunale della Lega a Ferrara, di professione poliziotto della Stradale di Altedo ed anche sindacalista del Sap-Sindacato Autonomo di Polizia, risulta indagato per “propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale”, al pari dell’autore della frase, Marco Faccini. A darne notizia oggi è l’Ansa.

Luca Caprini

Cancellato il post incriminato, che nel frattempo aveva suscitato polemiche infuocate (si era indignata  Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano Cucchi, chiedendo l’intervento del capo della Polizia Franco Gabrielli), Luca Caprini ha chiesto scusa per l’accaduto , giustificandosi che si era trattato di un errore materiale e spiegando di aver dato il ‘like’ solo perché conosceva l’autore del post, senza aver letto il contenuto di quello che aveva scritto.

“Mi riservo di guardare le carte”: ha commentato l’avvocato che assiste Faccini, il legale Marco Linguerri.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here