Licenziato dopo infortunio sul lavoro, reintegrato iscritto all’Ugl di Forlì

0
175
tribunale forlì

(Sesto Potere) – Forlì – 10 febbraio 2020 – Giustizia per un lavoratore illegittimamente licenziato a seguito di un infortunio patito sul luogo di lavoro, con il datore di lavoro che è stato condannato alla reintegrazione del lavoratore ed al pagamento di un’indennità risarcitoria commisurata all’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del tfr corrispondente al periodo dal giorno del licenziamento a quello dell’effettiva reintegra, oltre al versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali ed al pagamento delle spese di lite.

tribunale forlì

Questo il dispositivo della sentenza – del 4 febbraio 2020 – emessa dal giudice del lavoro del Tribunale di Forlì.

La vicenda sottoposta al vaglio del Tribunale del Lavoro ha preso le mosse da un licenziamento intimato da una nota società forlivese operante nel settore della logistica nei confronti di un proprio dipendente, inquadrato come magazziniere all’interno di celle frigorifere, che, a seguito di un infortunio sul lavoro, aveva subito l’amputazione della prima falange del dito medio della mano destra.

A seguito di giudizio di inidoneità alla mansione formulato dal medico competente, il datore di lavoro aveva, infatti, proceduto a licenziare il dipendente che si era, quindi, visto costretto a proporre ricorso all’organo di vigilanza.

lo giudice

Tale organo aveva revocato il giudizio espresso dal medico competente ed il dipendente aveva chiesto di essere riammesso al lavoro; invito non raccolto dal datore di lavoro, tanto che il lavoratore si era visto costretto ad adire il Tribunale per accertare l’illegittimità del licenziamento intimatogli.

“E’ una sentenza importante che implicitamente ribadisce il principio – non scritto – sulla scorta del quale, a seguito di un giudizio di inidoneità alla mansione, è preferibile che il datore di lavoro non adotti nei confronti del lavoratore alcun provvedimento espulsivo dovendo attendere i termini concessi dalla legge per la proposizione del ricorso all’organo di vigilanza territorialmente competente”: commenta con grande soddisfazione il segretario generale dell’Ugl di Forlì-Cesena-Rimini-Ravenna, Filippo Lo Giudice, per l’esito positivo della causa promossa dal lavoratore seguito dal sindacato.

Il licenziamento era stato oggetto di un tentativo di conciliazione stragiudiziale andato a vuoto.

Il lavoratore, con l’assistenza legale dell’avvocato giuslavorista Carlo Chiadini attivato dall’Ugl, ha così avviato l’azione giudiziale di impugnazione del licenziamento, chiedendo al giudice di accertare l’illegittimità del licenziamento atteso che lo stesso era stato intimato sul presupposto, poi risultato erroneo, di una inidoneità alla mansione.

“Si tratta di un risultato straordinariamente positivo – spiega Filippo Lo Giudice – in primis per il lavoratore che ha subito l’ingiustizia di essere licenziato dopo essersi fatto male lavorando e, in secondo luogo, perché grazie all’azione legale da noi promossa, è stato chiarito ancora una volta che il giudizio espresso dal medico competente non dovrebbe mai portare all’adozione frettolosa del provvedimento espulsivo poiché, come verificatosi nel caso di specie, se l’organo collegiale revoca il giudizio espresso, discende l’assoluta illegittimità del licenziamento”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here