L’estate 2021 inizia con un’ondata di caldo eccezionale

0
1016
sole

(Sesto Potere) – Bologna – 22 giugno 2021 – Ieri il solstizio d’estate, il giorno più lungo dell’anno e l’inizio dell’estate astronomica. E la stagione è iniziata con un’ondata di caldo eccezionale in Italia in un 2021 che si classifica fino ad ora all’ 8° posto tra i più caldi mai registrati nel pianeta con la temperatura sulla superficie della terra e degli oceani, addirittura superiore di 0,77 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo.

E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sulla base dei nuovi dati relativi ai primi cinque mesi del 2021 della banca dati Noaa, il National Climatic Data Centre che registra le temperature mondiali dal 1880.

La situazione – sottolinea la Coldiretti – è preoccupante anche in Europa dove la colonnina di mercurio nel periodo è stata superiore di ben 1,04 gradi rispetto alla media storica mentre in Italia la temperatura è stata più alta di 0,21 gradi, secondo l’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Isac Cnr di Bologna relativi ai primi 5 mesi dell’anno.

Ma nel 2021 – continua la Coldiretti – si è verificato lungo la Penisola fino ad ora anche un evento estremo al giorno tra bombe d’acqua, trombe d’aria, gelo, fulmini e violente grandinate secondo la banca dati dell’European Severe Weather Database (Eswd).

Una tendenza – precisa la Coldiretti – confermata anche in questo inizio di estate con il verificarsi di violente tempeste a macchia di leopardo con l’ Allerta gialla della Protezione civile per il maltempo al Nord in 5 regioni.

Con il cambiamento climatico si evidenzia una tendenza alla tropicalizzazione che – continua la Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di eventi violenti, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi.

Il ripetersi di eventi estremi sono costati all’agricoltura italiana oltre 14 miliardi di euro in un decennio tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne. L’agricoltura – conclude la Coldiretti – è infatti l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici ma è anche il settore più impegnato per contrastarli.