Lavoro, Lo Giudice (Ugl): “Fare chiarezza su assunzioni in Alea”

(Sesto Potere) – Forlì 18 gennaio 2019 – “Abbiamo appreso che la società Alea Ambiente ha indetto due selezioni    pubbliche per reperire forza lavoro in due mansioni diverse: autisti di camion per il porta a porta e addetti all’ecosportello. A tempo determinato in un caso e a tempo indeterminato nell’altro. Nel primo caso il servizio di raccolta delle  candidature è stato affidato a Quanta SpA, società privata, agenzia interinale per il lavoro, che  opera già nei servizi delle risorse umane. Nel secondo caso  i criteri per la selezione sono  apparsi sul sito web della società  pubblica per lo smaltimento dei rifiuti per pochi giorni a partire dalle festività e scadenza 3 gennaio. In entrambi i casi è mancata, a nostro avviso, la necessaria trasparenza che una società pubblica deve garantire, non è stata concessa una tempistica adeguata al raggiungimento di una platea di candidati più ampia  e sarebbero lacunosi e parziali anche i requisiti   richiesti per essere assunti. E di questo come sindacato ci lamentiamo ufficialmente!”:

lo giudice

scrive in una nota Filippo Lo Giudice, nella foto, segretario generale territoriale del sindacato confederale Ugl di Forlì-Cesena-Rimini e Ravenna.

L’Ugl chiede che sia posto rimedio a queste procedure con la pubblicazione sul sito dell’azienda dell’elenco dei candidati ammessi alle due selezioni  in maniera tale da rendere  trasparente il percorso che porterà all’assunzione del nuovo personale  attraverso valutazioni  dei curricula vitae  che si auspicano  imparziali e ispirate all’accesso paritario.  

“In merito  ai requisiti indicati nella graduatoria per l’eventuale assunzione è indicata un’  esperienza di almeno 6 mesi in ruoli di gestione

inaugurazione-punto-alea

clienti e rapporti con il pubblico all’interno di realtà che si occupano di servizi pubblici locali ed è richiesta una buona conoscenza del software Row–Rsu On Web elaborato appositamente per la gestione del ciclo dei rifiuti in uso soprattutto  (e soltanto) a coloro che hanno lavorato nel settore, inibendo dunque l’accesso  a tutti gli altri. Nei criteri di accesso Alea spiega che gli addetti dovranno  prestare servizio in uno o più degli ecosportelli dislocati nel territorio anche attraverso spostamenti con l’auto personale! Insomma  ci sono alcuni punti che devono essere chiariti “:

evidenzia Filippo Lo Giudice .

Il segretario generale territoriale  confederale dell’  Ugl di Forlì-Cesena-Rimini e Ravenna chiede che la società  fornisca le spiegazioni del caso su queste metodologie adottate per formare le  graduatorie e invita gli amministratori dei  Comuni del Forlivese soci di Alea ad esprimersi su queste situazioni evidenziate dal sindacato  per chiarire se anche a loro parere siano garantiti i diritti dei (potenziali) lavoratori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *