(
Sesto Potere) – Cesena (22 Dicembre 2022) – “Le tendenze nella produzione e nel consumo di mirtilli sono in aumento di anno in anno in tutto il mondo. Attualmente, il mirtillo è diventato molto popolare in Turchia grazie al suo gran numero di sostanze fitochimiche, inclusi gli abbondanti pigmenti antocianici, di grande interesse per la salute del consumatore interno; contestualmente cresce la coltivazione per coprire anche la domanda che arriva dai mercati Asiatici e dell’Est”. Così Ebru Kafkas docente all’Università Cukurova di Adana in Turchia, una delle massime esperte mondiali sul mirtillo, tra le relatrici al Simposio nella prossima edizione di Macfrut che ospiterà l’International Blueberry Days.

Nelle settimane scorse Macfrut 2023 è stata presentata in Turchia in occasione della seconda edizione della Conferenza internazionale della Ricerca nell’agricoltura svoltasi all’università di Adana. A presentare la Fiera, in programma al Rimini Expo Center dal 3 al 5 maggio 2023, è stata Gloria Teodorani di Cesena Fiera. La missione ha visto anche l’incontro con la rettrice dell’Università di Adana, Meryem Tuncel. Nell’occasione Ebru Kafkas ha tracciato un quadro della produzione del mirtillo in Turchia.

“Secondo i risultati degli studi epidemiologici, l’assunzione regolare e moderata di mirtilli ha ridotto il rischio di malattie cardiovascolari, morte e diabete di tipo 2 e ha migliorato il mantenimento del peso e la neuroprotezione – ha proseguito Ebru Kafkas – Questi risultati sono supportati da prove basate su biomarcatori provenienti da studi clinici sull’uomo. I mirtilli possono essere consumati sia freschi che trasformati. Tuttavia, i mirtilli di produzione nazionale vengono utilizzati principalmente per la vendita di frutti freschi piuttosto che per la lavorazione. Solo circa un terzo o un quarto della produzione totale viene utilizzato per marmellate e, su piccola scala, per succhi di frutta”.

La docente ha poi allargato lo sguardo sulla Turchia. “È uno dei più recenti paesi produttori di mirtilli e i suoi studi scientifici e la coltivazione commerciale sono stati raccomandati dalla guida del professor Huseyin Celik nel 1996, che ha svolto un ruolo importante nello sviluppo della coltivazione dei mirtilli in Turchia. Il primo frutteto di mirtilli è stato fondato da Osman Yildiz e le prime piante sono state importate dalla Polonia. In quel periodo il professor Huseyin Celik fece molte prove di adattamento usando mirtilli del nord ad altitudini più elevate della regione del Mar

Nero, dove i livelli di pH erano bassi. I mirtilli vengono coltivati commercialmente lungo la regione da est a ovest della regione del Mar Nero, alcune aree locali della Marmara e la parte centrale dell’Anatolia, adottando un sistema di coltivazione in campo con letti rialzati. Ultimamente, il mirtillo è stato avviato alla coltivazione commerciale nella parte occidentale del Mar Nero, nell’Egeo, nel Mediterraneo e nella parte orientale della Turchia utilizzando varietà di mirtilli del nord, del sud e di nuove varietà di mirtillo rabbiteye, appartenenti alla specie Vaccinium ashei, ora in diffusione per la loro adattabilità agli ambienti temperati caldi. I turchi preferiscono varietà di mirtilli freschi, grandi e dolci”.