La stazione di Bologna apre le porte all’arte

0
219
Stazione di Bologna Centrale

(Sesto Potere) – Bologna, 24 gennaio 2020 – Ha inaugurato il 23 gennaio nello spazio sotterraneo della Hall Alta Velocità della stazione ferroviaria di Bologna Morestalgia di Riccardo Benassi, a cura di Xing, un ambiente composto da testo, suono e oggetti che ha come cuore pulsante uno schermo led penetrabile dal corpo umano.

Stazione di Bologna Centrale

La tecno-tenda di Morestalgia occupa uno dei punti nevralgici della grande infrastruttura che ha cambiato il nostro modo di viaggiare. L’artista incontra il pubblico sabato 25 gennaio per un caffè al bar nei pressi dell’installazione, mentre fino a lunedì 27 gennaio l’installazione rimarrà aperta a passeggeri e visitatori in tutto l’arco della giornata, offrendo un’anticipazione di Live Arts Week IX, appuntamento tra arte e liveness a cura di Xing che si terrà dal 26 marzo al 4 aprile. 

Il progetto nasce da un lavoro di ricerca teorica sul sentimento della nostalgia e sulle sue implicazioni sociali alla luce dell’ingresso di internet nelle nostre vite. Prende la forma di un’opera multimediale e polisensoriale, un oggetto di iper-design che, coerentemente con il percorso di ricerca di Riccardo Benassi, affronta il tema del display nel contesto abitativo, urbanistico, infrastrutturale e comportamentale, partendo da un’analisi che pone al centro il soggetto e le sue interrelazioni.

L’installazione è uno dei main projects di ART CITY Bologna 2020, in occasione di Arte Fiera. Il progetto è realizzato grazie al sostegno dell’Italian Council (5. Edizione, 2019), in collaborazione con Ferrovie dello Stato e Grandi Stazioni Retail.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here