(Sesto Potere) – Forlì – 30 dicembre 2021 – Le associazioni ed i comitati della Rete Emergenza Climatica e Ambientale Emilia-Romagna con una congiunta ricordano la figura e la storia di Alberto Conti, presidente del WWF di Forlì-Cesena e portavoce del Taaf-Tavolo delle associazioni ambientaliste ucciso a 70 anni dal Covid.

“Ancora fatichiamo ad accettare la tua prematura scomparsa e ad immaginare l’ambientalismo privato della tua indomabile passione.  La tua esperienza, la tua competenza e il tuo spirito combattivo sono stati preziosi per il territorio in cui ti sei speso come presidente del WWF Forlì-Cesena, come coordinatore del tavolo delle Associazioni Ambientaliste di Forlì, e come pilastro della nostra Rete, a cui hai dato il tuo contributo fondamentale.  Nel tempo in cui abbiamo camminato al tuo fianco, nel tentativo di avere un’influenza sulle scelte politiche della nostra Regione, abbiamo imparato a conoscere il tuo temperamento, le tue guance che si facevano paonazze per l’emozione quando parlavi dei temi a te cari, la tua voce che tradiva un misto di rabbia e speranza, la tua forza di volontà che ti ha portato a occuparti delle battaglie comuni fin negli ultimi giorni di vita”: scrive la Rete Emergenza Climatica e Ambientale Emilia-Romagna. 

“La tua è una storia di volontariato senza riserve, tutti ti ricordano come uno dei più attivi ambientalisti e come una persona schietta, verace e coerente con i tuoi ferrei princìpi. Non ti sei mai piegato davanti ai potenti che hai sfidato che, proprio per questo, oltre che per la tua grande preparazione, ti hanno rispettato.  Ci auguriamo che ciò che hai fatto non vada perso e che anzi, sia di ispirazione per le generazioni a venire, i ragazzi che si affacciano adesso al mondo dell’ecologismo dovrebbero conoscere il tuo percorso e prendere esempio.  Ci stringiamo con affetto a tua moglie e ai tuoi figli, e vogliamo dire ai tuoi nipoti che dovranno ascoltare attentamente le storie che si racconteranno su di te, ed essere consapevoli di aver avuto un nonno speciale.  Mancherai tanto, ma proseguiremo anche per te le battaglie che abbiamo iniziato insieme, soprattutto le leggi di iniziativa popolare che stavamo preparando e che tu con tanta grinta volevi promuovere nella tua cara Forlì”: concludono le associazioni ed i comitati della Rete Emergenza Climatica e Ambientale Emilia-Romagna.