(Sesto Potere) – Faenza, 30 dicembre 2022 LA BCC ravennate forlivese e imolese ha conseguito la certificazione per la parità di genere ai sensi della UNI/PdR 125:2022.

La certificazione si basa sulle Linee Guida del sistema di gestione per la parità di genere, pubblicate a marzo 2022, in attuazione del PNRR Missione 5 “Inclusione e Coesione”, che ha l’obiettivo di incorporare il nuovo paradigma relativo alla parità di genere nel DNA delle organizzazioni per produrre un cambiamento sostenibile e durevole nel tempo.

Il processo di valutazione è stato condotto da IMQ Spa che ha valutato le macro-aree: cultura e strategia, governance, processi risorse umane (HR), opportunità di crescita ed inclusione delle donne in azienda, equità remunerativa per genere, tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro.

LA BCC si è distinta per il percorso di coinvolgimento e sviluppo ben consolidato in materia di diversità ed inclusione, partecipato dai vertici aziendali ed articolato sul principio della centralità della persona e sulla valorizzazione dei talenti e delle pari opportunità.

Emanuela Bacchilega, (nella foto in alto), amministratrice della BCC ravennate forlivese e imolese e delegata alla Sostenibilità, nell’esprimere grande soddisfazione per il risultato conseguito, ha dichiarato: “Abbiamo intrapreso questo percorso di certificazione volontaria per attestare il nostro impegno passato, presente e futuro sul tema della parità di genere e della valorizzazione delle diversità. Le nostre radici affondano nei principi della Carta dei Valori del Credito Cooperativo, che riconosce la centralità della persona, come valore a cui orientare le relazioni con i collaboratori, con i Soci e i clienti e nei confronti della nostra comunità di riferimento. Nel 2022 abbiamo definito, nell’ambito della Politica di Diversità e Inclusione, un Piano Strategico che raccoglie tutti gli strumenti concreti adottati per favorire la parità di genere in azienda, come gli interventi di conciliazione vita lavoro (part-time, flessibilità oraria, smart working). Abbiamo investito nella formazione dei collaboratori sulla parità di genere, anche in relazione ai temi delle molestie e della violenza contro le donne. Altrettanto intensa è stata l’attività di sostegno alle iniziative sul territorio, perché è nella nostra missione di Banca locale sensibilizzare, promuovere e diffondere una cultura inclusiva. Esprimo, infine, un ringraziamento particolare al team che ha lavorato intensamente per ottenere questo risultato.”