(Sesto Potere) – Roma – 4 gennaio 2022 – Se si tornasse alle urne per le Elezioni Politiche, il PD con il 21,4% supererebbe di quasi mezzo punto Fratelli d’Italia che avrebbe oggi il 21%: il Partito Democratico, anche se di misura, torna primo partito dopo 7 anni dalle Europee del 2014. La Lega sarebbe al terzo posto con il 19%. Al 15% il Movimento 5 Stelle, al 7,3% Forza Italia. Quanto alle coalizioni: il centrodestra (FdI, Lega e Fi) viaggia attorno il 47,3%, contro il 25,5 del centrosinistra (Pd, Leu e Sinistra italiana, senza Azione di Carlo Calenda: stimata al 3,2%). Terza forza il M5S.

È il peso odierno dei partiti nella fotografia scattata, per il Giornale Radio e Radio1 Rai, dal Barometro Politico di dicembre dell’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento. 

Con un’affluenza in calo stimata al 67% ed una distanza tra i 3 maggiori partiti oggi inferiore ai 2 punti e mezzo, la partita elettorale appare sempre più aperta. 

Analizzando i trend dalle Europee ad oggi, accanto ad una tendenziale stabilità del PD, emerge la crescita del partito di Giorgia Meloni che, beneficiando del ruolo di quasi unica opposizione, completa una lunga rincorsa su Salvini e supera di 2 punti la Lega. 

Il giudizio sul Governo, a 10 mesi dalla sua nascita, si conferma positivo per il 56% degli italiani. La fiducia nel Premier Mario Draghi resta alta al 62%, stabile da mesi, quasi impermeabile alle varie polemiche sul Green Pass e alle divergenze tra i partiti della maggioranza.  

“Dall’indagine – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – emerge chiara una inedita voglia di stabilità per fronteggiare la nuova emergenza Covid e provare a superare l’attuale frangente economico e sanitario”. 

Per un’ampia maggioranza, il 60% degli italiani, l’attuale Premier Mario Draghi dovrebbe restare alla guida del Governo; il 18% lo vorrebbe, invece, da febbraio nuovo Presidente della Repubblica. 


Chiaro è l’orientamento dell’opinione pubblica anche sull’eventuale scenario elettorale: appena un terzo vedrebbe con favore l’ipotesi di tornare alle urne in primavera dopo l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Il 67% degli italiani, intervistati dall’Istituto Demopolis per Radio1 Rai, riterrebbe preferibile concludere la Legislatura e tornare al voto nel 2023. 

Nota informativa: l’indagine è stata realizzata dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, per Radio1 Rai su un campione stratificato di 2.000 intervistati, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne. Supervisione della rilevazione demoscopica del 15-16/12/2021 di Marco E. Tabacchi. Coordinamento di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone.