Incendio alla Lotras di Faenza: in atto combustione senza fiamma viva, serviranno 6-8 giorni

(Sesto Potere) – Faenza – 12 agosto 2019 – L’Arpae Emilia-Romagna fornisce un aggiornamento sulla qualità dell´aria dopo  l’incendio esploso alla  Lotras System di Faenza.

incendio faenza

I dati di sabato 10 agosto delle stazioni di monitoraggio della qualità dell´aria nei dintorni dell´incendio al magazzino Lotras System di Faenza sono sostanzialmente allineati con i valori dei giorni precedenti e delle altre stazioni della rete di monitoraggio.

Il valore di PM10 nella stazione Faenza – Parco Bertozzi è leggermente inferiore a quello del giorno precedente (24 microgrammi/mc). Per gli ossidi di azoto i valori sono bassi e senza variazioni.

Il laboratorio mobile situato a Bagnacavallo rileva un trend in abbassamento dei valori di NOx.  Non si evidenziano variazioni per il monossido di carbonio. Il benzene ha mostrato dei valori in leggero aumento nelle ore notturne (intorno alle 2:00-3:00), anche se ben al di sotto del valore di 5 microgrammi/mc (valore limite su base annuale). Il valore del PM10 risulta di 25 microgrammi/mc ed è in linea con i dati dei giorni precedenti.

Sono in corso le analisi sui filtri prelevati dal campionatore alto volume situato a Faenza, per la ricerca di diossine/furani, idrocarburi policiclici aromatici e metalli.

incendio_Faenza

I primi risultati saranno diffusi nella giornata di oggi, lunedì 12 agosto.

Contestualmente si sta procedendo all´analisi delle acque superficiali e di spegnimento interessate dall´incendio.

Dall´incontro   di coordinamento che s’è svolto ieri,  domenica 11 agosto, è emerso che l´incendio è sostanzialmente domato, ma per spegnerlo completamente serviranno 6-8 giorni.

Attualmente – spiega Arpae Emilia-Romagna – siamo in presenza di una combustione senza fiamma viva e questo determina la formazione di un fumo prevalentemente chiaro, formato prevalentemente da vapore acqueo, che per l´assenza di fiamma e la bassa temperatura si disperde negli strati più bassi dell´atmosfera, in prossimità del suolo.

Questo può portare, nelle condizioni meteo attuali di alta pressione e brezze, soprattutto nelle ore notturne e la mattina, alla presenza di odori fastidiosi. Questi potranno essere avvertiti anche a distanze consistenti, fino alla costa adriatica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *