In Emilia-Romagna non ci sono casi di Coronavirus

(Sesto Potere) – Bologna – 8 febbraio 2020 – Le indagini condotte fino al 3 febbraio su due pazienti presi in carico dal Policlinico Sant’ Orsola di Bologna, uno dei quali già dimesso, hanno escluso completamente la presenza del Coronavirus.

Per quanto riguarda la coppia di cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, ricoverati allo “Spallanzani” di Roma, transitati a Parma prima di raggiungere la capitale, e positivi al test del coronavirus, sono tuttora in terapia intensiva. Le loro condizioni cliniche permangono stabili, con parametri emodinamici invariati. Continua il trattamento antivirale con il farmaco remdesivir e la prognosi è tuttora riservata.

Anche l’altro italiano – un uomo di 29 anni originario di Luzzara, piccolo comune in provincia di Reggio nell’Emilia – contagiato dal coronavirus e ricoverato allo Spallanzani di Roma “sta bene, ha lieve febbre e congiuntivite e inizierà in giornata la terapia antivirale ” fa sapere l’ospedale specializzato in malattie infettive nel primo bollettino dopo il ricovero.

La Regione Emilia-Romagna ha già attivato tutte le misure di tutela dei cittadini stabilite dal Ministero, in stretto raccordo con le Aziende sanitarie.

Le misure assunte sono di carattere precauzionale e comprendono, oltre al collegamento con il numero verde nazionale 1500 – funzionante 24 ore su 24- e l’attivazione, come laboratorio di riferimento, del Centro di riferimento regionale per le emergenze microbiologiche e virologiche (Crrem) del Policlinico Sant’Orsola di Bologna.

Nel in caso di sospetto di infezione da Coronavirus verranno attuate tutte le procedure previste dal ministero della Salute.

Il ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito web una pagina informativa con approfondimenti e gli indispensabili aggiornamenti, raggiungibile al link qui a fianco: pagina dedicata del Ministero della Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *