In Emilia-Romagna dal 2021 altri 600 bus nuovi, ecologici e sicuri

0
173

(Sesto Potere) – Bologna – 23 settembre 2020 – Dopo i 600 nuovi autobus messi in strada negli ultimi 5 anni, la Regione Emilia-Romagna programma di fare lo stesso nel prossimo quinquennio, con altri 600 mezzi nuovi, ecologici, silenziosi e sicuri in strada già a partire dal 2021.

Una rivoluzione della mobilità sostenibile che in Emilia-Romagna si sviluppa nell’ambito di un piano pluriennale che guarda oltre il 2025 e prevede l’acquisto di 1.600 nuovi autobus in totale, per arrivare a un parco circolante non inquinante, con un investimento pubblico di 440 milioni di euro – che vede coinvolte anche le città ad alto inquinamento e con popolazione superiore a 100mila abitanti – e, complessivo, stimato in circa 600 milioni di euro considerando anche il contributo delle Aziende di trasporto pubblico locale. Il ricambio interesserà i mezzi delle aziende di trasporto pubblico e anche quelle di soggetti privati titolari di trasporto pubblico.

Si parte con un primo investimento di circa 320 milioni di euro. Di questi, 190 milioni ripartiti dalla Regione su tutto il territorio: 153,9 milioni del Piano strategico nazionale della mobilità sostenibile destinati all’Emilia-Romagna con cui verranno acquistati 857 mezzi -di cui 294 in circolazione già nel prossimo quinquennio – e 35,8 milioni dal ministero dell’Ambiente per le Regioni del Bacino Padano, per completare l’acquisto, sempre nei prossimi 5 anni, dei restanti 300 nuovi autobus.
La quota rimanente viene assicurata dalle Aziende di trasporto pubblico locale dell’Emilia-Romagna.

Autobus Tper – mezzo pubblico

Nello specifico, degli 857 nuovi mezzi, di cui 294 nel prossimo quinquennio, acquistabili attraverso le risorse del Piano strategico nazionale della mobilità sostenibile – 211 sono destinati al trasporto urbano e 646 a quello extraurbano.

Sono autobus alimentati per il 92% a metano o ibridi a metano, per il 4% elettrici e il 4% a gasolio, così distribuiti per provincia: 265 nuovi mezzi nella città metropolitana di Bologna, 70 nella provincia di Parma, 55 bus in quella di Piacenza, 83 in quella di Reggio Emilia e 117 in quella di Modena. E ancora, 72 nella provincia di Ferrara, 74 in quella di Forlì-Cesena, 67 in quella di Ravenna e 54 a Rimini e provincia.

Inoltre, di questa prima tranche di 153,9 milioni di euro, 3,7 milioni saranno utilizzati per le infrastrutture di ricarica dei mezzi elettrici e di deposito per il rifornimento degli autobus a metano,che riguardano la città di Bologna.