(Sesto Potere) – Forlì – 9 febbraio 2022 – Le imprese con dipendenti dell’industria e dei servizi che nel 2021 hanno programmato di assumere lavoratori sono il 61% del totale, percentuale che è tornata al livello pre-pandemia, dopo una significativa flessione nel 2020. Le entrate – con qualsiasi forma contrattuale – previste nel 2021 sono pari a circa 4,6 milioni di unità, facendo segnare un pieno recupero dei livelli del 2019.

Una rapida ripresa accompagnata anche da un aumento delle difficoltà delle imprese nel reperire i profili professionali ricercati, che interessano quasi un terzo delle entrate previste e che possono essere attribuite anche a un crescente livello di esperienza richiesto ai candidati. I maggiori problemi di reperimento interessano principalmente i profili specializzati: dirigenti e specialisti con conoscenze approfondite anche di carattere scientifico (circa il 40% difficile da reperire) e soprattutto operai specializzati (46%). Le principali caratteristiche delle entrate programmate sono analizzabili anche a livello locale, a partire dal territorio regionale.

centro per l’impiego

Le assunzioni previste nelle province di Forlì-Cesena e Rimini per l’anno 2021 sono state 73.170 (18,2% del dato regionale), secondo Excelsior Informa, il Bollettino annuale sui fabbisogni occupazionali delle imprese industriali e dei servizi, realizzato da Unioncamere, Anpal e dalle Camere di commercio italiane. Dato che ha superato quello del 2019, pre-pandemia, quando erano 71.020, mentre erano solo 49.390 nel 2020, nel pieno delle difficoltà e delle restrizioni a tutela della salute pubblica.

Nel 2021, su base nazionale, gli ingressi previsti nelle due province sono stati 776.590 e 401.730 in Emilia-Romagna (8,7% del dato Italia).

I titoli di studio più richiesti nelle due province sono le qualifiche (livelli che superano la media regionale), seguiti da diplomi (in linea con l’Emilia-Romagna), lauree (percentuali inferiori rispetto al livello regionale) e istruzione tecnica superiore (incidenza 1%, Regione 2%, con un comune trend di crescita).

Le difficoltà di reperimento sono percentualmente inferiori al livello emiliano-romagnolo (36%) e italiano (32%), ma elevate. Gli investimenti nell’ambito della formazione risultano in crescita, ancora al di sotto della media regionale.

canali utilizzati in maniera più intensa nella ricerca e selezione dei collaboratori sono i candidati conosciuti personalmente e i CV inviati all’impresa; flessibilità e adattamento è la competenza più ricercata e apprezzata in una rosa di 10 rilevate ed analizzate.

Le ‘Professioni qualificate nelle attività commerciali e nei servizi’ sono le maggiormente richieste, ma non le più difficili da reperire (dirigenti e operai specializzati).

Roberto Albonetti

“Il rimbalzo economico che stiamo vivendo ha portato a una ripresa dell’occupazione, ma ci troviamo di fronte a scenari economici e sociali che mutano rapidamente e che necessitano di rinnovate competenze – dichiara Roberto Albonetti, Segretario generale della Camera di commercio della Romagna –. In questo senso, le indagini Excelsior sono un valido aiuto per conoscere le esigenze di professionalità delle imprese e per offrire strumenti di analisi utili ad adeguare i piani formativi scolastici, affinché ragazze e ragazzi siano preparati ad affrontare al meglio il mercato del lavoro. Rimangono le difficoltà di reperimento delle figure professionali ricercate dalle imprese, ma anche le difficoltà per i giovani che escono da scuola di acquisire l’esperienza richiesta. Per questo ci tengo a ribadire ancora una volta l’importanza del Portale Lavoro attivato dalla Camera della Romagna, cha ha proprio lo scopo di mettere in relazione le diverse esigenze, dando vita a una community digitale – globale, aperta e territoriale – che favorirà relazioni, scambi, attività, collaborazioni, incoraggiando un’ampia visione d’insieme, sostenendo e facilitando la creazione di valore, soddisfacendo bisogni e ascoltando necessità”.

Per saperne di più:
Sul nuovo Portale lavoro.romagna.camcom.it sono disponibili ulteriori informazioni sulle numerose attività e sui progetti della Camera della Romagna che avvicinano il sistema scolastico-formativo al mondo delle imprese e del lavoro nel territorio. 

Nota metodologica:
I dati presentati derivano dall’indagine Excelsior realizzata da Unioncamere in accordo con l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro. L’indagine, che è inserita nel Programma Statistico Nazionale (UCC-00007) tra quelle che prevedono l’obbligo di risposta, dal 2017 è svolta con cadenza mensile.