(Sesto Potere) – Santarcangelo di Romagna (Rimini) – Una giornata scolastica diversa per 48 studenti del quarto anno degli Istituti professionali Einaudi di Viserba e tecnico-commerciale Molari di Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini. Il gruppo Maggioli ha infatti organizzato per loro, sabato 14 maggio, nel campus della Maggioli Academy la ‘Greennovation Hackathon‘, “un’originale e coinvolgente maratona progettuale a squadre, un momento di confronto e di apprendimento che stimoli la loro immaginazione e motivazione anche fuori dai banchi di scuola, per aiutarli a essere consapevoli e proattivi“.

E così da “contribuire a trasformare l’Europa nel primo continente a impatto climatico zero entro il 2050“. Le imprese a ‘Greennovation Hackaton’ Sei “clienti speciali”, Amazon, Banca Malatestiana, Citrus, Simplenetworks, Tulips e Tangible, propongono due challenge ai ragazzi divisi in otto squadre e coadiuvati da altrettanti “angeli custodi”, gli alunni ed ex alunni dell’Università di Bologna dell’associazione Almae matris alumni. Ambito packaging con Amazon, Citrus e Tulips per i team Acqua, Cielo, Argilla e Terra; green mobility con Banca Malatestianam, Simplenetworks e Tangible per Flora, Natura, Ghiaccio e Sole.

“Siamo gasatissimi, attrarre persone e giovani per il gruppo è il nostro obiettivo“, fa gli onori di casa “contentissima” di ospitare gli studenti, Cristina Maggioli, consigliere delegato del gruppo: i temi green su mobility e packaging sono “fortemente collegati al bisogno di innovazione”, aggiunge. E l’hackathon, le fa eco la dirigente degli istituti, Daniela Massimiliani, rappresenta “un importante strumento di innovazione didattica e metodologica“. Anche se “per me sarà imbarazzante fare da giudice ai miei studenti”, sorride, sicura che metteranno “grande impegno per questa esperienza del tutto nuova”.

E di loro si sente un po’ parte la sindaca di Santarcangelo Alice Parma: “La parola comunità è l’inizio e la fine di questa giornata“, sottolinea durante la cerimonia di apertura dell’hackathon, che “vi deve entusiasmare per gli obiettivi che ha”. Si potrebbe anche pensare a un evento pubblico, conclude, con cui restituire tutto ciò alla cittadinanza. 

Della partita è anche Confindustria Romagna e il presidente dei Giovani industriali Sauro Passeri conferma che “innovazione, sostenibilità e digitalizzazione hanno un significato concreto“, perché “non c’è sviluppo senza cultura della sostenibilità ambientale, economica e sociale”.

D’altronde, tira le fila collegato da remoto il parlamentare del Gruppo misto Alessandro Fusacchia, “la capacità di recepire energie dalle scuole è fondamentale. Questa giornata vi farà scoprire un pezzo di società che si può costruire attivamente”. Dalle 9 alle 23, i ragazzi sono dunque impegnati in progetti su sostenibilità e innovazione, con l’obiettivo complessivo di creare un modello di integrazione con il territorio volto a incentivare la diffusione di conoscenza e generare valore condiviso. Stanno elaborando progetti sulla Green mobility e sul Green packaging, fornendo soluzioni innovative, scalabili e sostenibili.

Nel pomeriggio il saluto da remoto del presidente della Regione Stefano Bonaccini,  e a fine giornata i progetti realizzati presentati alle aziende che hanno lanciato le sfide.