Identità Golose, tutti i premiati della guida 2021 , ben 828 ristoranti recensiti

0
504

(Sesto Potere) – Roma – 20 marzo 2021 – È online da ora la quattordicesima edizione della Guida ai ristoranti di Identità Golose, uno strumento non più su carta (com’era stato dal 2007 al 2015) ma ancora una volta online, gratis e pubblico per tutti. 

Il Miglior Chef_Michelangelo Mammoliti

I ristoranti recensiti in partenza sono 828, e la quasi totalità sono italiani: a differenza delle precedenti edizioni, in quest’anno complicato gli organizzatori si sono concentrati quasi solo sulle insegne di casa nostra (ma il mezzo online aiuta: i ristoranti d’Europa e Mondo torneranno man mano che torneremo a viaggiare).

Le insegne novità 2021 sono 118 in tutto, mentre il totale delle schede italiane è di 813, una ventina in più della precedente edizione (794): significa che, pur in un anno drammatico, il saldo tra chiusure e aperture è ancora positivo, un fatto che testimonia la vitalità della cucina d’autore, nonostante tutto.

Qualche altro dato significativo: le pizzerie italiane sono 96, quasi un ottavo delle schede complessive, una frazione che illustra il fermento del genere, letterale e metaforico.

Il Miglior sous chef_Michele Lazzarini

Oltre ai migliori luoghi della pizza, gli estensori della guida hanno cercato di censire sempre più formule di “non ristoranti”: quest’anno compaiono anche cocktail bar con piccola cucina, macellerie con cucina, micropanifici, laboratori di pasticceria… In due parole, identità forti.

I locali che hanno al timone cuoche o cuochi sotto i 40 anni d’età sono 410, praticamente la metà del totale: la “cucina giovane” è un aspetto cui cerchiamo di dedicare attenzione da sempre (anche nei premi, tutti assegnati a professioniste e professionisti under 40).

Nelle schede di quest’anno compaiono 2 nuovi simboli, specchio dei tempi difficili che viviamo: 314 ristoranti su 828 si sono attrezzati con servizio di delivery/asporto (anche se è probabile che molti cesseranno di farlo quando l’emergenza sarà terminata). Sono invece ben 474 le insegne che dispongono di tavoli all’aperto, un’informazione ritenuta importante da fornire ai lettori in condizioni di pandemia.

La-Migliore-Chef_Solaika-Marrocco

Le Storie di Gola quest’anno sono anticipate da un nuovo aggettivo, “Coraggiose”: non sono, come sempre, suggerimenti illustri su dove a mangiare in quella determinata città d’Italia o del mondo. E sono stati selezionati invece esempi illuminanti e solidali che si sono distinti negli ultimi difficili 12 mesi.

Nel dettaglio:
– 16mila pacchi di cibo per le famiglie: l’impegno dei Cerea a Bergamo di Annalisa Cavaleri;
– I Refettori non si fermano: nel 2020, serviti 450mila pasti di Food for Soul;
– Crisi come opportunità per un paese intero di Ana Roš;
– Cucine Solidali, Torino si fa in quattro per i poveri di Andrea Chiuni;
– ZenAsporto, delivery virtuoso genovese di Marco Visciola.

Nella Guida di Identità 2021 sono inseriti anche i ristoranti novità , in anno molto difficile per la ristorazione, si contano 115 new entry italiane. 

Il Miglior pasticciere_Nicola Di Lena

Per l’Emilia-Romagna:
Belrespiro, Agazzano (Piacenza)
Trattoria Vecchio Borgo, Borgo Val di Taro (Parma)
Villa Monty Banks, Cesena (Forlì Cesena)
Apelle, Ferrara
Quattroquinti, Imola (Bologna)
Casa Maria Luigia, Modena
Cortex Bistrot, Parma
Chiere, Piacenza
Mad inside The Box, Riccione (Rimini)
Trattoria da Lucio, Rimini
Osteria dei Frati, Roncofreddo (Forlì Cesena).

collaboratori che hanno scritto la guida quest’anno sono 85. Ognuna delle 828 schede-ristorante contiene fino a 43 informazioni, oltre a quelle contenute nel testo principale.
Info: https://www.identitagolose.it/