(Sesto Potere) – Ravenna – 18 febbraio 2022 – Domani sabato 19 febbraio la Romagna, con le bellezze naturalistiche e i gioielli culturali di Ravenna, sarà protagonista all’interno della trasmissione dedicata al mondo green “Eden, un pianeta da salvare”, condotta da Licia Colò (nella foto a lato), in onda in prima serata (dalle 21.30) su La7 e arrivata alla sua terza edizione.

La presentatrice, famosa per la conduzione di altri programmi di viaggi e per la sua attività di divulgazione scientifica, dedicherà la seconda parte della puntata, realizzata con il supporto di Apt Servizi Emilia-Romagna, proprio a Ravenna e alle sue meraviglie.

Eden

Colò accompagnerà il pubblico televisivo alla scoperta della città d’arte romagnola, partendo da Fosso Ghiaia, piccolo paese dove Fausto, ex camionista, ha dato vita ad un’oasi popolata da centinaia di cicogne e visitata da migliaia di turisti ogni anno.

Da lì, raggiungerà la Capitale italiana del mosaico, che, grazie ai suoi otto monumenti patrimonio Unesco (https://www.turismo.ra.it/follow-your-way/monumenti-unesco/), affascina turisti di tutto il mondo, con la Basilica di San Vitale, il Mausoleo di Galla Placidia, i Battisteri degli Ariani e degli Ortodossi, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo e in Classe (foto in alto), la Cappella Arcivescovile e il Mausoleo di Teodorico, oltre alla Basilica di San Francesco, dove si celebrarono i funerali di Dante Alighieri.

E sempre sulle orme del Sommo Poeta, la conduttrice arriverà nella Pineta di Classe che ha ispirato Dante nella descrizione della selva del Purgatorio. Il viaggio si concluderà a Marina di Ravenna, con la visita al Cestha, il Centro di recupero, cura e riabilitazione di tartarughe ed altri animali marini in difficoltà.

L’Emilia Romagna – con Comacchio e le bellezze naturalistiche delle sue valli – era stata già protagonista nella seconda puntata di questa stagione di Eden, andata in onda sempre in prime time, sabato 15 gennaio.

“Eden, un pianeta da salvare”, condotto dalla Colò già dal 2019, ha vinto il Premio Flaiano nel 2020 come miglior programma culturale.