(Sesto Potere) – Reggio Emilia – 10 maggio 2022 – Si è svolta nel mese di aprile la giornata di addestramento finale del corso per volontari in “Salvaguardia dei beni culturali in attività di Protezione civile” presso l’impianto idrovoro del Torrione di Gualtieri, nel reggiano. 

Il corso, organizzato dal Coordinamento delle organizzazioni di volontariato per la Provincia di Reggio Emilia e dall’Agenzia per la sicurezza territoriale e Protezione civile (UT Sicurezza territoriale e Protezione civile di Reggio Emilia) è stato realizzato grazie alla collaborazione del Segretariato regionale Emilia-Romagna del Ministero della cultura, del Nucleo carabinieri tutela patrimonio culturale di Bologna e del Comando provinciale dei vigili del fuoco di Reggio Emilia.

Corso Salvaguardia dei beni culturali in attività di Protezione civile, aprile 2022, volontari, Gualtieri, Reggio Emilia

Hanno inoltre partecipato il Museo civico Il Correggio, la Diocesi di Reggio Emilia e Guastalla e la Bonifica dell’Emilia Centrale.

Al termine di un impegnativo percorso di 8 moduli formativi per un totale di 32 ore, avviato lo scorso dicembre, è stato organizzato un  addestramento pratico durante il quale è stato simulato un intervento di messa in sicurezza dei beni (in questo caso materiale di recupero non vincolato) a seguito di un evento sismico.

Sono intervenuti i Vigili del fuoco per le verifiche di sicurezza e, a seguire, il funzionario del Ministero della cultura con il nucleo Carabinieri per l’individuazione dei beni da tutelare.

Infine, sono intervenute le squadre dei volontari per l’imballaggio, il supporto alla catalogazione e il trasporto dei beni al deposito temporaneo.

Sono quindi 20 i nuovi volontari specializzati in questo tipo di attività, appartenenti a 10 diverse associazioni di volontariato: Associazione nazionale Alpini-Sezione di Reggio Emilia, Croce rossa italiana con il Comitato locale di

Corso Salvaguardia dei beni culturali in attività di Protezione civile, aprile 2022, volontari, Gualtieri, Reggio Emilia

Correggio, il Comitato locale di Cavriago, il Comitato locale di Novellara e  il Comitato locale di Reggio Emilia, Gruppo volontari città del tricolore, Gruppo volontari Protezione civile di Albinea, I ragazzi del Po Guastalla, Legambiente Reggio Emilia, Nucleo volontariato e Protezione civile ANC San Genesio, Protezione civile Val d’Enza radiocomunicazioni.

Per l’organizzazione della giornata di addestramento pratico finale sono stati coinvolti complessivamente ulteriori 22 operatori: 1 funzionario del Ministero della cultura, 2 Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale, 5 Vigili del fuoco 1 funzionario del comando Vigili del fuoco di Reggio Emilia, 1 funzionario della Diocesi di Reggio Emilia e Guastalla, 1 funzionario dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile, 2 volontari esperti per attività di docenza e tutor, 2 volontari per attività di logistica, 5 volontari per le attività di cucina.