(Sesto Potere) – Bologna – 28 ottobre – Una settimana di teleconsulenza dermatologica gratuita (dal 22 al 29 ottobre), un Open day di screening gratuito, in piazza del Nettuno a Bologna domani (dalle 9 alle 13) con la presenza degli specialisti di dermatologia pronti a rispondere a necessità o curiosità. Ma anche una campagna di sensibilizzazione sui social, intitolata “La psoriasi? Una questione di punti di vista”, creata con un registro ironico per abbattere i pregiudizi che accompagnano la psoriasi e un regalo ai soci: un racconto di John Updike, scrittore premio Pulitzer e psoriasico.

Sono alcune delle iniziative organizzate da Apiafco (Associazione psoriasici italiani amici della Fondazione Corazza) in occasione della Giornata mondiale della psoriasi, che si svolge ogni anno il 29 ottobre, con eventi e appuntamenti per tutta la settimana.

Il 25 ottobre, infatti, l’associazione ha presentato il Digital care program, una innovativa piattaforma nata in collaborazione con Healthware e Paginemediche, con il patrocinio delle Società scientifiche e supportata dalle aziende farmaceutiche italiane che è dedicata esclusivamente ai pazienti psoriasici. Con questo programma, che vuole essere di supporto sia ai pazienti che ai medici, si permette ad esempio al malato di dialogare col medico o gli specialisti ogni volta che ne ha bisogno, di essere seguito nel proprio percorso di cura, di creare un diario su terapie, visite, miglioramenti e di avere degli ‘alert’ quando è il momento di prenotare visite o controlli. Un aiuto anche a sentirsi meno solo e isolato, visto che peraltro la psoriasi è una malattia che si vede, con la manifestazione di macchie rosse sulla pelle, anche su viso e mani e con diverse comorbilità.

Psoriasi, in 33mila a rischio in Romagna. Sabato il convegno a Ravenna

“La portata del Digital care program è particolarmente significativa perché consente di ottimizzare la presa in carico e la gestione del paziente psoriasico in ottica multidisciplinare: avvalendosi dei servizi digitali integrati nel Digital care program, i medici di medicina generale e gli specialisti potranno interagire in maniera continuativa con i pazienti e supportarli nel percorso di gestione della malattia, favorendo una maggiore aderenza alla terapia e, con essa, una più elevata qualità della vita e un completo benessere psicofisico”, spiega la presidente Apiafco Valeria Corazza.

Nella settimana di iniziative di Apiafco non è mancato il consueto appuntamento online tra i soci e la presidente dell’associazione per un confronto sulle iniziative messe in campo nel 2022. Tra queste, ad esempio, l’Alleanza italiana per le persone con psoriasi, della quale fanno parte, oltre ad Apiafco, le società scientifiche SIDeMaST e Adoi e il laboratorio italiano per l’analisi, l’innovazione e il cambiamento delle politiche sanitarie e sociali. Altra azione è Salutequità, presentata a Roma alla Camera dei deputati lo scorso 3 marzo che propone al Governo e alle istituzioni iniziative utili a garantire ai pazienti psoriasici una presa in carico multidisciplinare, partendo dall’inserimento della patologia nel Piano nazionale delle cronicità.

“Il 25 ottobre abbiamo presentato il Digital care program sulla presa in carico digitale del paziente- ricorda la presidente Apiafco – ieri abbiamo fatto un brindisi a distanza coi nostri soci ai quali abbiamo raccontato quanto è stato fatto, ma soprattutto quanto abbiamo intenzione di fare nell’anno a venire, e domani a Bologna in piazza del Nettuno ci saranno gli specialisti dell’unità complessa di dermatologia a disposizione nella mattinata a rispondere a necessità o curiosità”. Inoltre alla ripresa dei lavori parlamentari “l’Alleanza non mancherà di farsi trovare pronta a proporre e sviluppare, in maniera sinergica, ogni iniziativa utile a garantire ai pazienti psoriasici una buona QoL e al sistema sanitario un risparmio sui costi a lungo termine dovuto, appunto, alla cura immediata delle comorbidità. Vale la pena di ricordare, infatti, che la psoriasi, in quanto malattia multifattoriale, è spesso accompagnata dalla presenza contemporanea di altre patologie, e segnatamente: una nel 33% dei pazienti psoriasici, due nel 19%, tre nell’8%”.

La psoriasi è una malattia della pelle non contagiosa, cronica, recidiva, con componenti genetiche e autoimmune, che colpisce 2 milioni di persone in Italia e 130 milioni nel mondo. Apiafco, (https://www.apiafco.org/) nasce nel 2017 con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento nazionale per chi è afflitto da questa malattia e ha tra le sue mission tutela, sensibilizzazione, informazione e formazione, servizi a pazienti e caregiver.