(Sesto Potere) – Gambettola – 3 dicembre 2021 – Il consigliere di minoranza Emiliano Paesani, della Lista Civica Sicuramente Gambettola, (nella foto in alto), ha presentato nell’ultima seduta del consiglio comunale un’interrogazione sullo stato dei lavori per la riqualificazione di piazza Pertini, l’area dove erano affiorati, al di sotto dei piani d’uso e dei pavimenti più recenti, i resti di una più antica fattoria di età medievale costruita alla metà del ‘400 della quale si conservano, fra i vari ambienti del piano terra, la stalla pavimentata in ciottoli e mattoni già oggetto di restauro.

Dopo che il consigliere della Lista Civica Sicuramente Gambettola aveva sollevato la tematica nel mese di febbraio sollecitando la massima condivisione possibile in fase progettuale, della cittadinanza e non solo, l’Amministrazione Comunale aveva presentato il progetto della nuova piazza.

“Nel mese di marzo” ricorda Paesani “abbiamo potuto vedere svelato il progetto della nuova Piazza nella presentazione del sindaco affiancato dall’architetto Boschetti e dal vicesindaco Pirini. Una piazza molto verde e tondeggiante, che inglobava totalmente lo scavo, che noi invece avevamo proposto di pavimentare.”

“Il progetto prevedeva molto verde, linee arrotondate che ammorbidiscono una piazza che per la sua forma potrebbe risultare poco accogliente, fredda, statica.  L’idea presentata rendeva infatti il luogo più accogliente, più dinamico” commenta Paesani “È mancata però la condivisione in fase progettuale. Così come un bando per l’incarico di progetto.”

“Quando, nei mesi seguenti” continua Paesani “abbiamo proposto un concorso di idee per raggiungere la migliore soluzione possibile ci è stato risposto che ormai l’architetto aveva svolto il lavoro e che il progetto, dopo le serate online, aveva preso forma.”

I lavori sulla piazza Pertini però ancora tardavano ad iniziare e per questo motivo nell’ultima seduta del consiglio comunale Emiliano Paesani ha presentato un’interrogazione per chiedere al sindaco Letizia Bisacchi e alla maggioranza di centrosinistra che guida l’amministrazione i chiarimenti del caso.

La sua interrogazione verteva su pochi punti: riferire al Consiglio il progetto definitivo e i motivi del ritardo; indicare eventuali variazioni di spesa; indicare eventuali finanziamenti; indicare la data presunta di inizio lavori collocata informalmente a novembre durante la seduta del consiglio precedente.

La risposta è arrivata dal consigliere esterno Ivano Piraccini.

“Non abbiamo capito” riferisce il consigliere Paesani “quale sarà il progetto definitivo che verrà attuato sulla piazza. Piraccini ha riferito che l’Amministrazione ha presentato alla Sovrintendenza non uno ma due progetti. E che uno di questi è stato particolarmente gradito. Non quello però che tutti noi abbiamo visto, in quanto probabilmente per la Sovrintendenza soffocava troppo lo scavo.”

Letizia Bisacchi

“Altro elemento emerso in risposta alla mia interrogazione è che il costo del recupero della piazza è raddoppiato. Da un iniziale preventivo di circa 100.000 euro ora si prevede di superare i 200.000 come ha dichiarato l’assessore Piraccini, o addirittura i 300.000, come dichiarato alla stampa dal sindaco Bisacchi.  Ma quale sarà allora la nuova piazza Pertini?”: si chiede il consigliere Paesani. “Non sono riuscito a chiarire esattamente l’iter seguito dall’Amministrazione Comunale. Possibile che abbiano presentato come certo alla cittadinanza un progetto senza che questo seguisse le linee della Sovrintendenza?” 

La sindaca Letizia Bisacchi ha spiegato che in base alla legge regionale 41 il Comune ha ottenuto un contributo di 152mila euro. In effetti il primo, iniziale, progetto non è piaciuto alla nuova Soprintendenza e, allora, l’amministrazione s’è risolta a presentare due progetti diversi, con la seconda soluzione, meno invasiva, che ha ottenuto il gradimento della Soprintendenza, per una spesa complessiva di circa 300mila euro. Il costo indicato nel primo progetto presentato alla pubblica opinione – ha spiegato la sindaca di Gambettola – era comunque parziale, perché relativo soltanto alla spesa per il primo, parziale, stralcio.

 Il consigliere della Lista Civica Sicuramente Gambettola, Emiliano Paesani, ha replicato e concluso, con dispiacere, come, “nonostante l’acquisizione del finanziamento regionale, non sia nuovamente stata presa in considerazione l’idea di agire sullo scavo archeologico della piazza con una azione risolutiva” ribadendo che continuerà ad insistere sulla necessità di garantire la massima condivisione dei cittadini nella fase attuativa del progetto.