Gambettola, fondo per acquisto di tablet e chiavette per famiglie in difficoltà

0
541

(Sesto Potere) – Gambettola (FC) – 27 aprile 2020 – Un fondo da € 7.000 euro a sostegno dei giovani cittadini, studenti di ogni ordine e grado scolastico. L’Amministrazione comunale di Gambettola in questa emergenza sanitaria, dopo le azioni messe in campo per sostenere le attività e le imprese gambettolesi (con quello che sarà il Fondo SOStegno realizzato con risorse comunali), per sostenere le famiglie e le persone anziane e in difficoltà (buoni spesa, consegne a domicilio, supporto e aiuto attraverso i servizi sociali in collaborazione con Caritas e Protezione Civile) decide di andare incontro anche alle necessità e urgenze provenienti dal settore scolastico e giovanile.

municipio Gambettola

Questa volta il Fondo, già attivo da inizio emergenza, è realizzato direttamente dal contributo, una vera e propria donazione, degli amministratori – sindaco, assessori e consiglieri del gruppo di maggioranza Cittadini per Gambettola– che, decidendo di donare parte dell’indennità di carica percepita, hanno destinato risorse per un progetto specifico, a sostegno dei bambini e ragazzi che non dispongono delle strumentazioni adeguate e necessarie per affrontare questi mesi scolastici di didattica a distanza.

“Come Amministrazione crediamo che il nostro compito sia quello di garantire l’accesso alla cultura e alla formazione alle giovani generazioni che rappresentano il nostro futuro – dichiara il sindaco Letizia Bisacchi – Con questa donazione destinata al progetto a sostegno dei giovani gambettolesi vogliamo assicurare a tutti gli studenti il diritto all’istruzione anche durante questa emergenza, rimuovendo gli ostacoli e il divario digitale, visto che in questo momento la didattica si sta sviluppando in modalità digitale e a distanza. Vogliamo cioè garantire i supporti tecnologici anche per quelle famiglie in difficoltà che non dispongono di pc e connessione internet. E’ un aiuto per i nostri ragazzi studenti per accompagnarli nel percorso più ampio dell’accesso alla digitalizzazione”.

Letizia Bisacchi

Con il Fondo creato con le donazioni degli amministratori è possibile dunque procedere all’acquisto diretto di pc, tablet e chiavette per connessioni internet che il gruppo di amministratori donerà alla biblioteca comunale. La Biblioteca li metterà a disposizione, in comodato d’uso, delle famiglie in difficoltà che ne faranno richiesta. Terminata l’emergenza la dotazione di pc e tablet tornerà a disposizione della Biblioteca comunale, che già da questa primavera aveva in programma corsi di alfabetizzazione digitale da rivolgere alla cittadinanza, in collaborazione con i formatori regionali di Pane e Internet, e che a causa coronavirus sono slittati al prossimo autunno-inverno.

“Ringrazio tutti i consiglieri del gruppo di maggioranza che ancora una volta dimostrano di essere a fianco della cittadinanza, su più fronti – conclude il sindaco – Questo progetto di solidarietà pensato per la scuola infatti è solo uno dei tanti gesti e azioni concrete messe in campo in queste settimane di emergenza. Non vanno dimenticati infatti le donazioni sul conto del Tavolo della Solidarietà, attivato fin dai primi giorni di marzo, che ci permette di fare beneficienza per Terapia Intensiva dell’Ospedale Bufalini e per l’acquisto di beni alimentari per le famiglie gambettolesi; le donazioni individuali; e poi l’impegno di tanti nel volontariato, Caritas, Protezione Civile, Croce Verde, Croce d’Oro; il tempo dedicato alla gestione dell’emergenza, ciascuno con la propria competenza, sempre con passione e dedizione alla nostra comunità. Siamo comunque consapevoli di non essere soli nell’affrontare questa emergenza perché Gambettola ancora una volta sta dimostrando di essere una comunità solidale, coesa e responsabile, dove ognuno ha fatto e sta facendo la propria parte”. Auspico quindi che anche i consiglieri di minoranza colgano l’occasione per poter aderire a questo progetto di solidarietà e possano contribuire così a sostenere i nostri ragazzi e il loro diritto all’istruzione”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here