Gambettola, celebrazione 76° Anniversario della liberazione

0
124

(Sesto Potere) – Gambettola (FC) – 13 ottobre 2020 – Gambettola si accinge a celebrare il 76° Anniversario della liberazione dall’occupazione nazifascista. Il fronte di guerra, nell’autunno del 1944, così come avvenne per tutte le località poste a ridosso della Linea Gotica, coinvolse pesantemente il paese provocando la distruzione di buona parte dell’abitato e una catena dolorosa di lutti nella popolazione, tanto che intere famiglie furono praticamente decimate dai furiosi bombardamenti. La mattina del 15 ottobre, le truppe neozelandesi facenti parte dell’VIII Armata britannica entrarono a Gambettola ponendo fine alla tragedia.

La comunità gambettolese non ha mai dimenticato il sacrificio e il martirio di tanti suoi concittadini, i cui tanti nomi (90 civili e 22 militari) sono scolpiti sul Monumento ai Caduti di Piazza Cavour.

Proprio davanti al Monumento, nella mattinata di giovedì 15 ottobre prossimo, alle 9,30, si terrà una breve cerimonia con la deposizione di una corona d’alloro alla presenza delle autorità cittadine. Seguirà un intervento del Sindaco Maria Letizia Bisacchi e del Sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi Matilde Luciani.

Nella serata di venerdì 16, alle 20,45, presso Il Centro Culturale “F. Fellini”, verrà presentato il libro “I pellerossa che liberarono l’Italia” di Matteo Incerti (Corsiero Editore, 2020). Il libro narra la vera storia di cinquanta volontari dalle tribù native del Canada e la loro battaglia per libertà, diritti e ambiente. Discriminati nelle riserve, tremila nativi delle tribù Mohawk, Irochesi, Oijbwa, Cree, Secpwepemc, Metis, si arruolarono da volontari nell’esercito canadese per combattere in Europa. Chi per denaro, chi per un sogno di giustizia e libertà che sognavano per i loro popoli. Il 10 luglio del 1943 a decine sbarcarono in Sicilia nelle file degli Alleati. Eroi dimenticati da tutti, caddero sui campi di battaglia d’Italia. Dalla Sicilia a Ortona, passando per Cassino e lo sfondamento della Linea Gotica orientale nelle Marche e in Romagna. Sconfitto il nazifascismo, al ritorno dal fronte per i sopravvissuti iniziò una nuova lotta condotta fino ai giorni nostri per conquistare diritti negati, difendere le loro terre dalla devastazione ambientale e tramandare ai posteri una millenaria cultura di pace. Questa è la vera storia di cinquanta uomini che si batterono per la liberazione d’Italia.

Dopo il saluto del sindaco Maria Letizia Bisacchi e dell’assessore alla Cultura Serena Zavalloni, la serata sarà introdotta e coordinata da Luca Bussandri, Presidente Anpi Rubicone; dialogherà con l’autore Gianfranco Miro Gori presidente Anpi Forlì-Cesena.

L’iniziativa è organizzata dal Comune di Gambettola – Assessorato alla Cultura in collaborazione con A.N.P.I. Forlì-Cesena e A.N.P.I. Rubicone. Al termine della serata sarà possibile acquistare una copia del libro.

Ingresso libero. Informazioni: biblioteca comunale 0547 45338 e pagina facebook Comune di Gambettola