(Sesto Potere) – Galeata – 3 gennaio 2022 – “Siamo ancora in piena epoca pandemica e a mio avviso è opportuno concentrarsi su come garantire massima protezione per la comunità. Se poi si parla della sicurezza e del benessere in ambienti fondamentali per lo sviluppo e la crescita delle nuove generazioni, allora risulta necessario interrogarsi su quali siano le azioni migliori da mettere in pratica. Ecco perché durante queste festività abbiamo installato in tutte le classi di tutto il plesso scolastico di Galeata 70 depuratori d’aria altamente performanti”: a comunicarlo è la sindaca di Galeata, Elisa Deo.

Il modello individuato dall’ufficio tecnico, garantisce un abbattimento del 99,97% di virus e batteri e consente di non aprire continuamente le finestre in questi mesi freddi per aerare i locali. In particolare a beneficio dei bimbi più piccoli che sono senza mascherina per non esporli a raffreddamento.
I purificatori sono silenziosi e sanificano l’aria attraverso un sistema a triplo filtraggio e ionizzatore in spazi chiusi anche con presenza di persone.
Aspirano aria contaminata ed emettono aria depurata oltre a filtrare odori e soprattutto sostanze nocive come il particolato, un pericolo invisibile per polmoni, cuore e cervello poiché le particelle sottili penetrano nell’organismo scatenando processi infiammatori a danno maggiore dei più giovani.
I purificatori infatti garantiscono l’abbattimento di virus, batteri ed allergeni.

“Per questa operazione abbiamo investito circa 70 mila euro ed abbiamo installato i sanificatori anche in ogni ufficio comunale per garantire sicurezza anche ai dipendenti e agli utenti. Abbiamo cercato una soluzione certificata per garantire un continuo ricambio di aria nelle classi permettendo ai nostri bimbi, ragazzi e personale di vivere la scuola più serenamente e con un confort maggiore. Nelle difficoltà del periodo, al rientro sui banchi potranno almeno avere questi sanificatori ad accoglierli. L’interesse collettivo è la nostra priorità”: assicura e conclude la sindaca di Galeata, Elisa Deo.