(Sesto Potere) – Forlimpopoli- 22 ottobre – Il Comune di Forlimpopoli ha appena varato, con un’ordinanza firmata dalla Sindaca Milena Garavini, un nuovo pacchetto di misure per la qualità dell’aria e contro l’inquinamento, in linea con quanto previsto dal Piano aria integrato regionale (Pair) e dai successivi aggiornamenti.

Tutti i Comuni emiliano – romagnoli della pianura sono obbligati ad attenersi alle indicazioni del Pair e a mettere in atto tutte le azioni previste.
Chi volesse saperne di più può visitare il sito della Regione https://www.arpae.it/it/temi-ambientali/aria/liberiamo-laria

Come prescritto dalla Regione, l’ordinanza comunale comprende limitazioni non solo per la circolazione, ma anche per il riscaldamento degli ambienti e per le attività.

Vediamo quali sono.
Fino al 30 aprile del prossimo anno nell’area del centro abitato di Forlimpopoli – identificato nell’area ricompresa tra le seguenti strade: via Emilia per Cesena – via Emilia per Forlì – via Diaz / via Meldola – S.P. 37 “Forlimpopoli-Para” – sarà vietata la circolazione dei veicoli più vecchi e inquinanti (veicoli a benzina e diesel Euro 2 o inferiori, veicoli a gpl e metano e moto euro 1 o 0). Dal 1 gennaio 2023 il divieto riguarderà anche i veicoli diesel Euro 3.
All’interno dell’area interessata dal divieto sarà comunque consentito il transito su alcuni dei principali percorsi di attraversamento. Deroghe sono previste, inoltre, per alcune categorie di veicoli (l’elenco è riportato nell’ordinanza).

Nello stesso periodo negli edifici sarà vietato usare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa inferiori alla classe “3 stelle” e anche focolari aperti.

E sempre fino ad aprile non si potranno bruciare residui vegetali, salvo deroghe prescritte dall’Autorità fitosanitaria.

A queste si aggiungono altre misure che rimarranno valide per tutto l’anno.
Fra esse: il divieto di installare generatori a biomassa legnosa di classe inferiore alle “4 stelle”; l’obbligo di usare – nei casi consentiti – pellet certificato di classe A1; il divieto di installare e usare impianti di climatizzazione in spazi di pertinenza come, ad esempio, cantine, vani scale, box, garage, androni, ecc.; l’obbligo di chiusura delle porte di accesso al pubblico negli esercizi commerciali e negli edifici con accesso al pubblico per evitare dispersioni termiche sia nel periodo invernale che in quello estivo.

Chi viola le limitazioni alla circolazione previste dall’Ordinanza rischia una multa fra i 168 e i 679 euro.
Il mancato rispetto delle altre disposizioni è punita con una sanzione amministrativa da 25 a
500 euro.

L’ordinanza completa può essere scaricata dal sito http://www.comune.forlimpopoli.fc.it/servizi/notizie/notizie_fase02.aspx?ID=8143