Forlì, via il mercato da piazza Saffi. I Verdi: Colpo di grazia per il centro storico

0
280

(Sesto Potere) – Forlì – 6 maggio 2021 – Prende corpo l’ipotesi che il Comune, in procinto di presentare un corposo piano per il rilancio del centro storico, stia valutando l’ipotesi di spostare il mercato ambulante del lunedì e venerdì dalla centralissima piazza Saffi ad un’area più defilata, verosimilmente, ai Portici. L’idea è ancora allo studio ed è in atto un confronto fra l’amm9iniustrazione e le associazi9oni di categoria, ma intento si registrano le prime reazioni politiche.

“Sembrerebbe una battuta, se non ci stessero pensando veramente. Dopo le proposte dei parcheggi in Piazza Saffi, l’ultima trovata sarebbe lo spostamento del Mercato Ambulante. Un’operazione che la giunta leghista giustificherebbe con la volontà di rilanciare il centro storico. Dopo l’asfalto permeabile come simbolo della rinaturalizzazione delle città, ed i parcheggi come soluzione per ridurre l’uso delle auto private, non possiamo più stupirci di nulla. Ci piacerebbe capire quale logica può collegare la rimozione di una delle occasioni di aggregazione ed attrazione di portafogli alla ripresa economica del nostro centro.”: si chiedono Alessandro Ronchi e Sara Londrillo, portavoci di Europa Verde di Forlì-Cesena.  

Londrillo e Ronchi

“Invece di far costruire supermercati ed ipermercati ovunque, facendo fallire qualunque attività cerchi di resistere tra le vecchie mura e fuori, una Giunta un minimo capace e coraggiosa potrebbe pensare a progetti per concentrare interesse, non a toglierlo. Potrebbe incentivare l’apertura di negozi, bar e ristoranti con i tavolini all’aperto, con strade libere dalle auto, copiando dalle città che sono più attrattive. Potrebbe pedonalizzare Piazza Cavour, spostando le auto dove ora c’è il mercato ortofrutticolo. Ma anche per questa zona le intenzioni del vicesindaco Mezzacapo sarebbero quella di fare un nuovo supermercato ed un’area residenziale di altri 8000 metri quadrati. 
Supermercati, Ipermercati e solo nuovo cemento, nonostante anche le attività già realizzate siano tutte in estrema sofferenza.  Non sono capaci di una idea nuova, sostenibile ecologicamente ed economicamente”: è il commento finale degli esponenti Verdi.