Forlì, Verdi contro “strage” di alberi per far posto a ‘centro commerciale’

0
255

(Sesto Potere) – Forlì – 6 marzo 2020 – I Verdi di Forlì prendono di mira il progetto del nuovo discount che dovrà sorgere fra via Roma e via Cerchia, mentre è in corso l’abbattimento di oltre 20 alberi centenari per far posto ad una rotonda.

“Quando si tratta di consumo di suolo non c’è alcuna differenza fra centrodestra e centrosinistra: entrambi hanno approvato la esagerata proliferazione di centri commerciali inutili, ed entrambi sono impegnati a favorirla ad ogni costo anche se ciò comporta, come nel caso del l’abbattimento inutile di circa 20 Pini e Tigli secondo un progetto sbagliato e vecchio di una dozzina di anni, manomettendo così e alterando un viale alberato la cui caratteristica storica e paesaggistica è rappresentata da filari continui di piante, risalenti a prima dell’ultimo conflitto mondiale compromettendone la percezione e distruggendone la prospettiva”: affermano i Verdi in una nota.

I Verdi nel tentativo di opporsi a questa decisione ritenuta “del tutto sbagliata” avevano predisposto un progetto alternativo ed aggiornato, che teneva conto della realizzazione del nuovo asse tangenziale e delle conseguenti modifiche prodotte alla traffico e alla circolazione.

Inoltre, nell’ultimo periodo numerosi cittadini del luogo in diversi incontri con tecnici e Amministratori del Comune hanno fatto presente che esistevano altre soluzioni, considerate “meno invasive e distruttive” e perfino più sicure per i ciclisti poiché la pista che solitamente utilizzavano “sarà malauguratamente interrotta e resa pericolosa dalla nuova rotatoria”.

“Non c’è stato niente da fare, anche questa amministrazione è impermeabile ad ogni alternativa migliorativa ed a qualunque partecipazione dei cittadini, ed i lavori sono stati affrettati per impedire che come è avvenuto in altre circostanze, crescessero proteste e si organizzasse una qualche resistenza.  Non siamo disposti a tollerare oltre questi scempi, dettati dagli interessi delle multinazionali della grande distribuzione. Non siamo più disposti a far passare sotto silenzio le violazioni alle disposizioni della pianificazione provinciale che vietavano la realizzazione di un centro commerciale affacciato sulla Via Emilia. Non siamo più disposti a tollerare che si sostenga, come è stato fatto in questi giorni da parte del Comune, che le disposizioni della convenzione (un contratto stipulato di fronte ad un Notaio), che stabiliscono che quegli alberi dovevano essere trapiantati, sarebbero “una svista”...”: aggiungono i Verdi.

“Abbiamo preso atto che gli interessi della grande distribuzione prevalgono su ogni altro, che a nulla serve ricercare il dialogo e collaborare, che a niente serve invocare leggi che tutelano gli alberi, a niente fare presente la loro essenziale funzione nei confronti del clima e della qualità dell’aria, così come a niente sono servite, per fermare la bulimia cementificatrice, le norme del PTCP (Pianto territoriale di Coordinamento Provinciale) disinvoltamente violate, come a nulla serve mettere in evidenza che sarebbero violate, per la rotatoria, talune norme del Codice dei contratti pubblici”: insistono i Verdi che , così come hanno sempre fatto per progetti simili in passato , annunciano che contrasteranno con ogni mezzo queste scelte considerate: “miopi e scellerate”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here