(Sesto Potere) – Forlì – 19 novembre 2022 – Il 28 novembre presso  la suggestiva location del il Circolo Aurora Aps (ex Scranna), Corso Garibaldi 80, a Forlì, l’associazione Dino Amadori Ets (Ente del Terzo Settore) assieme ad Avis Forlì presenteranno una serata evento e cena Solidale dal titolo “Sinergie Condividiamo Valori Insieme” per promuovere e divulgare sani stili di vita e i valori del volontariato. Con il Patrocinio del Comune di Forlì e di Loto Odv (organizzazione di volontariato) per la ricerca contro i tumori ginecologici.

In occasione di tale serata l’artista scultore romagnolo Otello Turci donerà alcune delle sue opere alla stessa Associazione e ad Avis Forlì. Inoltre la food blogger  e naturopata Annalisa Calandrini presenterà il libro “Re.Life”: parlando di sani stili di vita, necessari per tutti i donatori e in un’ottica di prevenzione oncologica.

Giovedì è stato presentato l’evento al Sindaco Gian Luca Zattini e gli organizzatori hanno donato una delle opere che Otello Turci  consegnerà alla Associazione Dino Amadori, intitolata “Sensibilità” (foto in alto).

“La scelta non è casuale e certamente descrive la personalità di Gian Luca Zattini, quale uomo sensibile e sempre in ascolto di tutti coloro che gli espongono problematiche chiedendogli consigli su come risolverle: un uomo che “ha sempre tempo per tutti” per dirla con Otello Turci”: afferma Giovanni Amadori, presidente dell’ associazione Dino Amadori.

L’ispirazione artistica di Otello Turci ha radici lontane sin da quando nel 1990 incontrò in udienza privata il Santo Padre, Giovanni Paolo II ove l’artista ebbe l’onore di esporgli la propria sensibilità artistica e spirituale. In tale indimenticabile incontro – che poi segnò tutta la vita artistica di Otello Turci  –  Giovanni Paolo II  gli benedì le mani. L’Udienza Papale ha  profuso in Otello Turci, nella  sua arte e nella  sua fede profonda stimoli e fonte di ispirazione per tutti gli anni a venire sino ad oggi.

“Otello Turci  dona agli altri i propri sentimenti tramite le proprie sculture: “il donare” per Otello è motivo di emozioni più che” il ricevere”. Come ci si propone nella serata del 28 novembre in occasione della cerimonia di donazione delle sue opere d’arte alle Associazioni e che potranno essere pure acquistate per sostenere la mission della Associazione che rappresento, Ente del terzo settore”: aggiunge Giovanni Amadori.

“Ho deciso di donare queste opere per ciò che è il mio credo. Donare trasmette sensazioni ed emozioni beni più intense rispetto a quelle del “ricevere” : le parole dello scultore.

“Condivido la mission di Otello Turci collegata a stretto giro con quella che l’Associazione Dino Amadori si prefigge, volta anche alla divulgazione e sensibilizzazione dell’importanza dell’altruismo e della solidarietà, unici strumenti per combattere l’indifferenza, sulla strada tracciata da mio padre, il prof. Dino Amadori, per tutta la sua vita”: aggiunge Giovanni Amadori. 

La  serata del 28 novembre  avrà un filo identitario con  tutte le iniziative che l’Associazione Dino Amadori ha già organizzato e per quelle che verranno: quello della solidarietà, del volontariato e della importanza della ricerca.

“Gli unici strumenti per poter progredire in tutti i contesti sociali non solo sanitari. Un evento organizzato con Avis con l’obiettivo di sensibilizzare gli oltre 100 amici che parteciperanno sulla mission delle Associazioni  e con una raccolta fondi in favore della stessa Avis di Forlì.  Ritengo che Avis sia una comunità con il maggior numero di volontari nel nostro paese con ciò ben rappresentando il cuore pulsante di ogni traguardo raggiunto da mio padre. Il titolo sinergia coniuga dunque sensibilità e principi comuni allla Associazione Dino Amadori ed Avis: solo facendo rete guardando ad obiettivi e progetti ambiziosi possiamo poi trasformarli in traguardi”: conclude Giovanni Amadori.

Modererà la serata il giornalista Vincenzo Bongiorno.