(Sesto Potere) – Forlì – 29 agosto 2022 – Giovedì 25 agosto l’associazione Dino Amadori Ets ha organizzato un secondo appuntamento sempre per raccogliere fondi per la ricerca oncologica, a favore della Associazione Loto, ove il  Dott. Andrea Amadori è direttore scientifico, presente alla serata con la Presidente nazionale di Loto, la dottoressa Sandra Balboni, che ha ricordato l’incontro con Dino Amadori e il forte legame empatico che li ha subito legati nella mission comune di Loto.

La serata si è svolta presso Il Palazzone di Villafranca con la collaborazione dei comitati di quartiere di San Martino in Villafranca e di Villafranca.

Il tema della serata ha coinvolto i 130 partecipanti affascinati dalle relazioni di tre ospiti di eccellenza tutti ambasciatori dell’agroalimentare italiano: l’imprenditore Luigi Forte, il dott. Giuseppe Palosti , allevatore e il dott. Marco Missaglia, specialista in Scienze dell’alimentazione ed endocrinologia.

Gli ospiti hanno parlato di benessere animale e dell’importanza della sana alimentazione del buon cibo , strettamente collegati ad una agricoltura sostenibile in  un unico filo conduttore: la prevenzione oncologica: “La prevenzione oncologica infatti deve incentrarsi in una crescita culturale proprio nella sana alimentazione e nel benessere fisico e psicologico che da essa deriva”.

Si è inoltre parlato di politiche giovanili e sul dilagante fenomeno del bullismo e del cyber bullismo, di imprese del nostro territorio ( in gran parte sponsor della serata), con l’intervento dell’assessore Paola Casara ha concesso il Patrocinio del Comune di Forlì con il proprio assessorato e con l’intervento di Maddalena Tramonti e di Marcello Orbiglioli sempre in tema di iniziative e politiche giovanili e bullismo.

Il ricavato della serata sarà devoluto a Loto Onlus, comitato territoriale di Forlì, un’associazione impegnata nella ricerca oncologica ginecologica e capillarizzata su tutto il territorio Italiano.

“La collaborazione tra Loto e l’associazione Dino Amadori continua : sempre con il messaggio dell’importanza della ricerca e del rapporto empatico tra medico e paziente e del volontariato che ha tracciato tutta la vita di mio padre. Il Prof. Dino Amadori, mio padre, pochi giorni prima di lasciarci ha presentato il progetto di Loto e il comitato territoriale di Forlì: è nostro compito portare avanti la sua mission anche in questo delicato contesto di ricerca oncologica ginecologica, un doveroso segnale di rispetto verso tutte le donne della nostra Romagna”: spiega Giovanni Amadori, presidente dell’associazione Dino Amadori Ets, che rivolge anche un ringraziamento al Prof. Claudio Vicini, a sua volta ospite della serata.

Vicini è stato un caro amico di mio padre, sempre a lui vicino nell’ obbiettivo comune per dare un valore aggiunto alla nostra eccellente sanità Romagnola, a beneficio di tutti noi. E ringrazio anche il sindaco di Meldola Roberto Cavallucci che ha portato il proprio saluto e sostegno alla Associazione Dino Amadori. Mi piace infine ricordare che siamo tutti volontari con un unico grande obiettivo: divulgare il messaggio empatico di mio padre, sempre facendo “rete” : l’unico valore aggiunto per una vera crescita sociale. Il volontariato e la solidarietà rappresentano l’unica risposta all’indifferenza!”: conclude Giovanni Amadori che annuncia di essere già al lavoro per organizzare il prossimo evento.