(Sesto Potere) – Forlì, 4 giugno. La Regione Emilia-Romagna riconosce e premia l’unicità del Festival del Liscio denominato “Cara Forlì – edizione 2022” con un contributo pari a 41 mila € nell’ambito del bando rivolto a Comuni con popolazione superiore ai 50mila abitanti, in attuazione della legge regionale 37/1994 in materia di promozione culturale. Il costo complessivo del progetto forlivese è di 151 mila €.

Il Festival, frutto del cambio di passo in ambito culturale, artistico e musicale della Giunta Zattini, è stato valutato dalla “giuria regionale” come il migliore tra le proposte presentate e ammesse per la valorizzazione di nuovi talenti, la promozione dell’arte contemporanea e la valorizzazione della cultura popolare.

L’Assessore Valerio Melandri (nella foto a lato) commenta: “Cara Forlì è un Festival assolutamente innovativo, unico nel suo genere e trasversale, che coniuga l’amore per le tradizioni e la musica popolare del grande Maestro Secondo Casadei (nella foto in alto) con la voglia di intrattenimento e la partecipazione di grandi artisti contemporanei che si esibiranno dal vivo sul palco di Piazza Saffi. La Regione Emilia-Romagna, attraverso questo contributo, ha riconosciuto l’unicità, l’inclusività e il valore di questo bellissimo progetto che quest’anno sarà ancora più straordinario e coinvolgente, ricco di sorprese e ospiti d’eccezione. Se quella del 2021 è stata un’edizione di “rodaggio”, quella del 2022 sarà l’edizione della consacrazione di Forlì quale madrepatria del liscio. Un appuntamento da non perdere, che farà ballare e divertire giovani e meno giovani, appassionati del liscio ma non solo. La chiusura più degna e bella possibile per la nostra programmazione estiva di musica, intrattenimento, ballo e recitazione in scena presso l’Arena Estiva e il centro storico di Forlì.”

E si registra anche il plauso del consigliere regionale Massimiliano Pompignoli: “queste notizie sono il riscontro migliore per zittire chi ancora, con una punta di invidia, mette in dubbio la qualità e la capacità progettuale dell’Amministrazione comunale forlivese. Cara Forlì si è rivelato fin da subito un prodotto musicale e di spettacolo dagli ingredienti vincenti, che la Regione Emilia Romagna ha voluto premiare con un contributo importante nell’ambito della legge regionale 37/1994 in materia di promozione culturale. Un ringraziamento particolare lo voglio riservare al Sindaco Zattini, primo sostenitore di questa bellissima iniziativa, all’Assessore Valerio Melandri, al Dott. Stefano Benetti e a tutti i funzionari e tecnici del servizio cultura e turismo del Comune di Forlì.”