Forlì, i magistrati Pignatone e Prestipino svelano i segreti dell’ ‘ndrangheta

0
135

(Sesto Potere) – Forlì – 9 dicembre 2019 – Domani martedì 10 dicembre, alle 16,30, nell’ambito della XIX edizione del festival “L’Occidente nel Labirinto”, dedicato all’ “Elogio della Cittadinanza” a partire dalle figure di Aurelio Saffi e Giorgina Craufurd, il Salone Comunale di Forlì ospiterà un incontro su “Le virtù della legalità”.

Michele Prestipino e Giuseppe Pignatone

Un evento a cui interverranno come relatori Giovanni Mazzanti dell’Università di Bologna, Michele Prestipino, procuratore aggiunto della Repubblica di Roma, e Giuseppe Pignatone, presidente del Tribunale del Vaticano. Coordina Pietro Caruso, giornalista e saggista.

Nell’occasione verrà tracciato un bilancio storico delle lotte contro le Mafie.

Con un’esperienza maturata alla procura di Palermo, Giuseppe Pignatone e Michele Prestipino sono i magistrati che hanno portato in Calabria i metodi investigativi messi a punto da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino contro Cosa Nostra. Con le loro indagini hanno rivelato la faccia torbida delle relazioni tra la ‘ndrangheta e il Paese ufficiale: non soltanto imprenditori e politici, ma perfino ufficiali dei carabinieri, magistrati e collaboratori dei servizi segreti pronti al doppio gioco per favorire le latitanze dei boss e gli affari delle cosche.

Caruso il giorno del suo incontro con Mattarella

I due magistrati sono autori del libro: “Il contagio. Come la ‘ndrangheta ha infettato l’Italia” edito da Laterza.

L’ingresso a tutti gli appuntamenti del festival “L’Occidente nel Labirinto” , che si vale del sostegno della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, è libero e gratuito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here