Forlì, Giancarlo Biserna: ripensare la fruizione del centro storico

0
213

(Sesto Potere) – Forlì – 22 gennaio 202i – Anche l’ex vicesindaco della giunta Balzani,  Giancarlo Biserna, già esponente dell’Italia dei valori e componente del Comitato Forliperbene, interviene con una nota sul dibattito relativo alla crisi della ristorazione, del commercio e dei pubblici esercizi a causa delle continue chiusure in chiave anti-Covid disposte dal governo.

“Dobbiamo metterci in testa – scrive Giancarlo Biserna, – che nel medio breve periodo non ci sono possibilità  di rinascita e la colpa e’ di tutti e di nessuno, neanche il Comune ha colpe particolari. Forse un po’ i commercianti che solo in pochi vendono prodotti che non si trovano nei grandi centri.  

Giancarlo Biserna

Forse un po’ di colpe le hanno i proprietari di immobili che non riducono gli affitti. Ma non e’ questo il punto. Questo andamento al ribasso, covid o non covid, non si potra’ fermare, e’ fisilogico. Sarebbe  già molto tamponare e cercare di perdere il meno possibile”

Che fare allora? “Smettere di pensare che il centro storico si ravvivi con i negozi e puntare ad altro. Non certo ai bar e caffe’ che sono troppi e che se mai dovrebbero diminuire. Neanche piu’ puntare sulle auto libere e belle con costo dei parcheggi quasi gratis. Il bus poi e’ fuori gioco da sempre. Ovvio che bisogna aspettare che il covid passi, ma poi bisognera’ rivoluzionare le nostre teste e pensare di vivere il centro in altro modo lontano dai consumi commerciali e vicino all’ economia circolare, alla gratuita’, alla fraternita’, all’ associazionismo, all’ arte ed alla cultura, alla fede, che devono trovare i loro principali spazi progettuali, operativi e di fruibilita’ soprattutto a partire da lì. Cominciamo a parlarne. Solo dopo i negozi avranno motivo di ripartire”: conclude Giancarlo Biserna