Forlì, Fondazione e Comune: nuovi interventi di sostegno alla terza età

0
318

(Sesto Potere) – Forlì – 27 novembre 2020 – Il Comune di Forlì e la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì si apprestano a sottoscrivere un nuovo Protocollo d’Intesa per la realizzazione di un programma di sostegno alle famiglie con anziani non autosufficienti.

La collaborazione tra Comune e Fondazione ha avuto inizio nel 2004, con l’obiettivo di ampliare gli interventi a sostegno della domiciliarità degli anziani nei 15 Comuni del comprensorio forlivese, in particolare gli assegni di cura per anziani e i servizi di assistenza domiciliare; i finanziamenti annuali della Fondazione, proseguiti fino ad oggi, hanno consentito di ampliare il numero dei beneficiari e potenziare il sostegno alle famiglie che si prendono cura dei propri anziani.

Nell’anno 2019 la Fondazione ha finanziato l’ampliamento degli assegni di cura anziani con 250.000 euro su una spesa totale di 1.734.000 euro, consentendo l’attivazione di 261 assegni in più nel comprensorio forlivese. La Fondazione ha inoltre sostenuto altri progetti a favore delle persone anziane, attraverso il bando “Over All”.

Per il 2020, il programma di sostegno alle famiglie con anziani è finalizzato a migliorare e sviluppare le opportunità delle famiglie con anziani non autosufficienti di avvalersi di interventi e servizi per la domiciliarità e, ove necessario, di assistenza residenziale specializzata.

fondazione carisp

Recentemente, la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì ha stabilito di destinare finanziamenti per complessivi € 473.325 per contribuire alla realizzazione del Programma proposto dal Comune di Forlì per lo “sviluppo degli interventi di sostegno alla domiciliarità e all’assistenza residenziale degli anziani nel territorio forlivese”, articolato in tre progetti: infatti, oltre alla conferma e potenziamento dell’intervento dell’assegno di cura, vede due nuove azioni:

– il sostegno ai centri diurni per anziani non accreditati per contenere le rette in periodo di emergenza Covid;

– sostegno alle famiglie per l’assistenza residenziale agli anziani.

1) AMPLIAMENTO ASSEGNI DI CURA ANZIANI

L’intervento dell’assegno di cura consiste in un contributo economico per le famiglie che si prendono cura a domicilio di un anziano non autosufficiente, permettendogli di rimanere, con adeguata assistenza, nel proprio contesto abitativo, sociale ed affettivo.

I beneficiari dell’assegno sono individuati tra gli anziani non autosufficienti valutati dall’Unità di Valutazione Geriatrica (UVG); l’entità del contributo è definita in base al livello di bisogno assistenziale:

Livello di bisogno assistenzialeImporto giornaliero assegno di curaImporto giornaliero assegno per titolari di indennità accompagnamento o analoga
Livello A (elevato)€ 22,00€ 7,75
Livello B (alto)€ 17,00€ 5,17
Livello C (medio)€ 13,00Non erogato

Si può accedere all’intervento con ISEE inferiore 25.000 euro. Chi ha ISEE inferiore a 20.000 euro e si avvale di assistente familiare, può ottenere un contributo aggiuntivo all’assegno di cura, pari a 160 euro mensili.

A partire dall’anno 2004, fra Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e Comune di Forlì è stata avviata una collaborazione per l’ampliamento dei servizi e degli interventi a sostegno della domiciliarità degli anziani nel territorio dei 15 Comuni forlivesi ed in particolare dell’assegno di cura per anziani.

L’ampliamento dell’intervento dell’assegno di cura è previsto a favore degli anziani residenti in tutti i Comuni del Comprensorio forlivese, di cui il Comune di Forlì è capofila.

municipio di forlì

L’ampliamento programmato è finanziato dal contributo concesso dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, pari a € 330.000, su un totale di spesa stimato in € 1.750.000.

2) SOSTEGNO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI
PER CONTENERE LE RETTE A CARICO DELLE FAMIGLIE

Tra i servizi più rilevanti per favorire la domiciliarità degli anziani, evitando o ritardando l’istituzionalizzazione, vi sono i Centri diurni, che accolgono persone anziane non autonome, offrendo attività assistenziali e ricreative. Si tratta di risorse importanti per le famiglie, alleviando il peso dell’assistenza alla persona non autosufficiente durante il giorno e consentendo anche al caregiver (ovvero al familiare che lo assiste) lo svolgimento di attività lavorative. Al tempo stesso contribuiscono a mantenere le autonomie residue e ad evitare l’isolamento delle persone anziane.

I provvedimenti adottati a livello nazionale e regionale per prevenire e contrastare la diffusione del contagio da Covid-19 hanno reso necessaria la rimodulazione di tali servizi, con conseguente incremento dei costi sia per il personale, sia per le forniture di dispositivi di protezione.

Ciò ha comportato particolari difficoltà per i centri diurni privati non accreditati, che non beneficiano di contributi pubblici.

Per evitare che i maggiori costi vadano a gravare sulle rette a carico delle famiglie, il Comune di Forlì, grazie al contributo di € 70.000 della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, erogherà contributi economici ai soggetti del Terzo Settore che gestiscono attività assistenziali e ricreative per anziani in Centri diurni non accreditati. I gestori beneficiari saranno individuati entro fine 2020, a seguito di pubblicazione di apposito avviso contenente i criteri di selezione.

3) SOSTEGNO PER L’ASSISTENZA RESIDENZIALE AGLI ANZIANI

Numerose famiglie esprimono una richiesta di assistenza residenziale, in particolare per gli anziani con condizioni di non autosufficienza più gravi e complesse e/o qualora il caregiver non sia in condizioni di garantire adeguata assistenza a domicilio, anche per esigenze temporanee. Tuttavia l’accesso alle strutture residenziale non è sempre agevole, ove la famiglia non sia in condizione di sostenere il pagamento della retta in strutture private e non riesca ad ottenere l’inserimento in una delle strutture accreditate, che prevedono rette calmierate grazie alla contribuzione del Fondo per la non autosufficienza.

Il Comune di Forlì, in collaborazione con la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, intende agevolare le famiglie del proprio territorio nell’accesso alle strutture residenziali private per anziani, attraverso l’erogazione di contributi economici per il pagamento della retta, da riconoscere alle famiglie con maggiori difficoltà, sia in relazione alla condizione economica che in relazione agli elevati bisogni assistenziali dell’anziano.

Potranno beneficiare dei contributi le persone anziane non autosufficienti, debitamente valutate, che necessitano di assistenza nelle 24 ore, con famiglie in difficoltà nel prestare l’assistenza a domicilio e non in grado di sostenere interamente i costi dell’inserimento residenziale (ISEE non superiore a € 15.000,00).

Il contributo è erogabile a favore degli anziani residenti nel Comune di Forlì, per l’accesso a posti residenziali privati (non accreditati) nelle seguenti tipologie di strutture:

– Case famiglia/gruppi appartamento o Comunità alloggio per le quali sia stato verificato il rispetto dei requisiti previsti dal Regolamento adottato con Deliberazione Consiglio Comunale di Forlì n. 3/2018) e pertanto inserite nella c.d. white list;

– Case di Riposo o Case Residenza per anziani non autosufficienti (CRA), regolarmente autorizzate al funzionamento.

L’inserimento residenziale può avere carattere stabile oppure temporaneo, per esigenze di sollievo familiare o altre necessità del caregiver.

Per queste famiglie è previsto un contributo mensile variabile da € 150,00 a € 500,00, da definire in relazione alla situazione economica effettiva del nucleo familiare, per la durata massima di 1 anno.

Per l’erogazione dei contributi sopra indicati è destinata la somma complessiva di € 173.325,00, di cui € 73.325,00 erogati dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e € 100.000,00 a carico del Comune di Forlì.

Piano finanziario del programma

ProgettiPrevisione spesa totaledi cui contributo Fondazione
1) Ampliamento assegni di cura 2020€ 1.750.000,00€ 330.000,00
2) Sostegno ai Centri Diurni per anziani non accreditati€ 70.000,00€ 70.000,00
3) Sostegno alle famiglie con anziani non autosufficienti per assistenza residenziale€ 173.325,00€ 73.325,00
TOTALE1.993.325,00473.325,00

********************************

Oltre al protocollo sottoscritto con l’Amministrazione comunale, la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì ha inoltre ridefinito e sviluppato diverse altre attività volte a dare risposta alle nuove dinamiche e ai problemi crescenti determinati dell’emergenza sanitaria, per un ulteriore investimento finanziario di 65.000 euro.

Fondazione, Comune di Forlì (in qualità di capofila per le Amministrazioni del comprensorio) e cabina di regia del Bando (in qualità di capofila delle realtà finanziate nell’ambito del Bando) hanno in particolare condiviso la riprogrammazione di iniziative innovative come i cinque progetti:

CAFFE’ PER TUTTI

Creato come momento settimanale volto ad offrire agli anziani e ai loro familiariun’occasione d’incontro in cui favorire la socializzazione attraverso attività ludico-ricreative si concentrerà in questo periodo sull’approfondimento e la discussione di temi “utili”, di consigli e pratiche di contrasto al virus e altri temi di particolare interesse suggeriti dagli utenti.

SILVER COMMUNITY MANAGER

La figura del silver community manager nasce per accogliere i bisogni della persona anziana o del familiare che assiste i propri cari e attivare tempestivamente una risposta personalizzata di rete attraverso le realtà disponibili sul territorio, in collaborazione con l’Unità Anziani del Comune di Forlì.

OPERATORE FAMILIARE

La declinazione dell’assistenza domiciliare collaudata durante la fase dell’emergenza Covid-19 risulta oggi particolarmente funzionale per continuare a rispondere in maniera diretta ed efficace ai bisogni concreti degli anziani: l’operatore familiare si relaziona infatti con tutte le altre figure indicate nel progetto e in particolare con il succitato silver community manager, che ne attiva l’operatività.

SALUTE E BENESSERE

Analogamente al “Caffè per tutti”, le attività di riabilitazione su base comunitaria (RBC), fisioterapia e ginnastica dolce verranno svolte tenendo conto di tutte le dovute limitazioni e precauzioni: l’obiettivo è quello di offrire agli anziani occasioni di incontro e opportunità di mobilità fisica.

GRUPPI ABC

I Gruppi ABC sono a partecipazione libera per piccoli gruppi, condotti da uno psicologo, della durata di circa un’ora e mezza e si propongono di condividere le difficoltà; ricercare (e trovare) soluzioni nuove; imparare tecniche utili per tener viva la conversazione in famiglia. Durante gli incontri ciascuno è libero di raccontare la propria esperienza e di ascoltare quella degli altri portando con sé i suggerimenti ritenuti importanti.