Forlì, ex sede vigili urbani. Ronchi (Verdi) a Zattini: “Fermare la vendita”

0
167

(Sesto Potere) – Forlì – 30 settembre 2020 – Il portavoce provinciale di Europa Verde di Forlì-Cesena Alessandro Ronchi (nella foto in alto) si appella pubblicamente, al sindaco di Forlì, Zattini, per invitarlo a “non dare corso” all’asta per la vendita del palazzo Rivalta, in corso della Repubblica, ex sede della polizia municipale (vedi foto), posto di fronte al palazzo del Merenda, sede delle biblioteche e di musei.

“È un edificio prezioso per la città, può essere davvero destinato ad ampliare le sedi delle istituzioni culturali in un’area urbana idonea e riconosciuta come tale. Più volte abbiamo criticato duramente ma in modo circostanziato, definendole prive di fondamento e senso, le scelte della Amministrazione precedente, in particolare quelle che riguardavano l’ex Santarelli definendo le destinazioni individuate “prive di una intrinseca utilità per la città e i suoi abitanti. L’ennesimo contenitore per non ben precisate e mutevoli attività culturali che avrebbe determinato una offerta ridondante e priva di reali necessità“: ricorda Alessandro Ronchi.

Le critiche riguardavano anche la ricerca di investitori immobiliari per il palazzo ex vigili urbani di corso della Repubblica che invece i Verdi avrebbero voluto destinare, come ripetuto da tempo, per una nuova Biblioteca moderna, integrata con quelle storiche del palazzo antistante.

“Crediamo che la nuova Amministrazione non debba ricalcare, ripercorrendole, le strade sbagliate della precedente, soprattutto perché l’abbondante “lascito” di circa 20 milioni di euro ricevuto da quelli di prima consente di non avere bisogno di quelle poche centinaia di migliaia di euro che si ricaveranno per uno dei soliti regali a qualche gruppo di imprenditori”: afferma il portavoce provinciale di Europa Verde di Forlì-Cesena.

E Ronchi continua il suo appello al sindaco Zattini: “Rimetta in discussione i progetti sbagliati, e soprattutto non pregiudichi nuove idee e possibilità che certamente avranno bisogno di valutazione e confronto ma che non possono essere subordinate alle decisioni prive di fondamento del passato. Siamo ancora in tempo, l’asta dovrebbe tenersi il 6 ottobre, alle 10, in municipio, fermi tutto e consideri attentamente cosa si può fare nel palazzo Rivalta di utile e importante per Forlì”.