Forlì, ecco le proposte di Forza Italia per ammodernare la città

0
148

(Sesto Potere) – Forlì – 4 gennaio 2020 – A pochi giorni dall’approvazione del bilancio di previsione 2020 e del bilancio pluriennale 2020-2022 dell’amministrazione comunale di Forlì, il primo della giunta Zattini, il gruppo di Forza Italia , alla presenza degli esperti nelle Commissioni Consiliari, ha indetto una conferenza Stampa dedicata alla proposte ed ai progetti promossi dal partito e inseriti nelle strategie amministrative del centrodestra per il 2020.

Sono intervenuti il capogruppo Lauro Biondi, il consigliere Marco Catalano, gli esperti di commissione Andrea Amadei e Massimo Viroli, Daniele La Bruna e Lea Milanesi.

Nell’occasione, sono state illustrate le linee guida del bilancio – approvato a dicembre con i voti favorevoli del centrodestra e il voto contrario del centrosinistra – che è stato strutturato e potenziato con il programma triennale delle opere pubbliche e degli investimenti, giudicato da Forza Italia – come dallo stesso assessore al bilancio Cicognani – la parte qualificante della manovra.

“Abbiamo ridotto la spesa corrente da 97 a 95 milioni, abbiamo messo mano e dovremo farlo con più efficacia anche in futuro agli sprechi ed ai costi delle società pubbliche partecipate, abbiamo alleggerito la macchina burocratica, abbiamo raddoppiato da 40 ad 80 milioni il piano triennale degli investimenti accendendo nuovi mutui , nella consapevolezza che questi investimenti produrranno non soltanto la copertura ma anche un sostanzioso ritorno per l’amministrazione comunale”: ha detto Lauro Biondi.

Forza Italia ha presentato i contenuti dei quattro ordini del giorno presentati dal partito e incardinati e approvati nella manovra di bilancio che riguardano: l’azzeramento dei prelievi relativi ai tributi comunali per un periodo non inferiore ai 5 anni per le nuove imprese e soprattutto le start-up giovanili; la costruzione di nuove case popolari e/o il recupero di quelle ad oggi non utilizzate affinché si possa abbattere la lista d’attesa di alloggi Erp che oggi conta 1.000 forlivesi; la rimodulazione delle tariffe dei servizi pubblici a domanda individuale con il duplice obiettivo di ottenere una maggiore copertura ed una maggiore equità di prelievo; e la predisposizione di un’ipotesi di lavoro per la realizzazione di un parcheggio sotterraneo in piazza del Carmine, un investimento che – come ha spiegato Lauro Biondi – può essere realizzato attraverso una concessione convenzionata con i privati che si dovranno fare carico dell’opera.

“Fra le nostre proposte per rilanciare Forlì anche lo spegnimento almeno in una fascia oraria (si pensa al notturno) di Mercurio e la valutazione dell’accesso dei mezzi pubblici e privati in piazza Saffi come chiesto da alcune associazioni di categoria, pur con i crismi della tutela ambientale. Su questi due temi siamo in ritardo. Li porremo al centro del confronto del centrodestra già nei prossimi mesi. L’obiettivo è far diventare Forlì una città pienamente moderna”: conclude Lauro Biondi.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here