(Sesto Potere) – Forlì – 28 dicembre 2022 – Esiste una governance delle società controllate del Comune di Forlì? A fornire la risposta alla domanda – che loto stessi pongono retoricamente – sono Giorgio Calderoni e Federico Morgagni, (nella foto in alto), componenti del  gruppo consiliare Forlì e Co.   che non hanno dubbi: “La nostra risposta immediata è: no, e la risposta viene dai fatti che si sono succeduti nel corso di questo 2022. Le dimissioni di due componenti su 3 del CdA di Alea rappresentano infatti solo l’ultima di una serie di poco edificanti pagine che denotano tutte una palese incapacità dell’attuale Amministrazione di centrodestra di esercitare la necessaria capacità di direzione sulle società controllate dal Comune”.

Calderoni

Basta ricordare che: a circa un anno dalle dimissioni del Direttore generale di Alea, la Società ha reperito solo all’inizio di questo mese un manager temporaneo, mentre è tuttora aperta la procedura per l’assunzione del nuovo direttore generale; per tutta la seconda metà del 2022, il ruolo di amministratore unico delle Società ForlìFarma (farmacie comunali) e Forlì mobilità integrata è stato cumulativamente svolto dalla Presidente del CdA della holding Livia Tellus; solo un mese fa sono stati nominati i nuovi amministratori unici di queste due società sulla base di criteri ispirati a una forte lottizzazione politica (entrambi fanno riferimento all’area di Fratelli d’Italia) prima che di competenza e professionalità, e solo dopo una clamorosa marcia indietro rispetto alla prima candidatura filtrata per ForlìFarma (il segretario territoriale di Fratelli d’Italia), retromarcia cui la maggioranza di centrodestra è stata costretta dalla denuncia del nostro gruppo consiliare circa l’insussistenza dei requisiti di legge in capo allo stesso segretario di Fratelli d’Italia;  la più volte annunciata ipotesi dell’Assessore comunale alle partecipate dell’uscita di Forlì dalla holding Livia Tellus è stata fortemente sconsigliata dallo studio tecnico commissionato (e pagato) dalla stessa Livia Tellus a una società specializzata di consulenza”: elencano Giorgio Calderoni e Federico Morgagni.

Morgagni

“A questo punto, è del tutto evidente che non è più possibile continuare in questo modo, cioè con una preoccupante abdicazione da parte del Comune di Forlì al proprio ruolo di governo – tramite la Holding Livia Tellus di cui detiene il 78% delle azioni – delle proprie società controllate. E se la Giunta di centrodestra non è in grado – come ha dimostrato di non essere nel corso di questo 2022 – di svolgere questo ruolo è tempo che, contravvenendo al suo costume di non sottoporre al Consiglio comunale le questioni importanti per la città, si disponga finalmente, e sin dal primo consiglio di gennaio 2023, un dibattito aperto nella massima assise elettiva cittadina sul presente e sul futuro delle società controllate e della loro holding”: propone il gruppo consiliare Forlì e Co..         

“Le società in questione, infatti, devono garantire l’erogazione di servizi pubblici fondamentali (a partire dalla raccolta dei rifiuti, l’erogazione di farmaci, ecc.) per i forlivesi. Il caos gestionale e la mancanza di governance determinati dall’inerzia e dell’immobilismo della Giunta Zattini rischiano di generare, come in parte già è visibile nell’insufficiente attenzione alla pulizia della città, uno scadimento nella qualità dei servizi inaccettabile per una città moderna e che vuole guardare al futuro”: concludono Giorgio Calderoni e Federico Morgagni.