Forlì, domani cittadini in corteo ed al parco del Campus per difendere il clima

(Sesto Potere) – Forlì – 14 marzo 2019 – Gli scienziati hanno lanciato l’allarme: siamo l’ultima generazione che può evitare un disastro globale a causa dell’innalzamento delle temperature.  Greta Thunberg è partita da una idea semplice: se l’allarme è così serio, perché tutti vanno avanti facendo finta di nulla?  Tutte le principali città del Mondo organizzano  manifestazioni pubbliche, ed anche Forlì  farà la sua parte.

corteo per il clima

Venerdì alle ore 9:00 un corteo di studenti e studentesse, mamme e papà e tutti coloro che vogliono battersi per il clima si radunerà in piazzale della Vittoria sotto Icaro per dare il via ad un corteo pacifico e colorato per le vie del centro storico.

“Il traffico verrà fermato per il tempo necessario per garantire la sicurezza dei ragazzi e bimbi in corteo, ma chiediamo a tutti i cittadini di lasciare a casa l’auto ed unirsi alla manifestazione”: avvisano i promotori.

Il tragitto si concluderà nel cortile della Mensa Universitaria di fianco al Campus di via Corridoni, oltre il parcheggio di Piazza Lega.

Qui i cittadini si raduneremo per approfondire i temi della giornata, con un paio di brevi interventi di Ruggero Ridolfi, oncologo dell’associazione ISDE Medici per l’ambiente che ha seguito a Forlì una osservazione sulla presenza

sede universita forlì

di inquinanti e Silvia Zamboni, Giornalista de La Nuova Ecologia che si occupa di economia circolare, mobilità e politiche urbane sostenibili.

A seguire nel parchetto verranno organizzati sit-in e workshop tematici, nei quali piccoli gruppi faranno conoscenza e collaboreranno più nel dettaglio per approfondire le idee alla base del movimento e le pratiche quotidiane che ogni cittadino può  portare avanti per contribuire al benessere del pianeta.

Anche per i bimbi ci sarà uno spazio dedicato al gioco, che permetterà di lasciare con i colori il segno delle generazioni più giovani, sperando che la loro impronta sia una spinta anche per gli adulti che devono salvaguardare il loro futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *