Forlì. Da Rotary Club e Tre Valli attrezzature per assistenza domiciliare Covid-19 alle U.s.c.a.

0
188

(Sesto Potere) – Forlì – 26 dicembre 2020 – Il  Rotary Club di Forlì e il Rotary Tre Valli ,  in collaborazione con il Dipartimento Cure Primarie e Medicina di Comunità Forlì-Cesena dell’Ausl della Romagna, diretto dal dott. Riccardo Varliero, hanno donato importanti attrezzature a sostegno delle U.S.C.A. (Unità speciali di continuità assistenziale) del territorio forlivese dell’Ausl della Romagna per la pandemia da COVID-19. 

“Da quest’anno – spiega  il dottor Riccardo Varliero, direttore del dipartimento di cure primarie di Forlì e Cesena- per le necessità dell’emergenza della pandemia dovuta al diffondersi dell’infezione da SARS-CoV-2, sono state istituite, dall’Ausl della Romagna, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale (U.S.C.A.), volte ad implementare la gestione dell’emergenza sanitaria per questa epidemia da COVID-19, al fine di consentire al medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta o al medico di continuità assistenziale di continuare a garantire l’attività assistenziale ordinaria.Nella Provincia di Forlì-Cesena sono coinvolti 33 medici che si recano a domicilio dei pazienti e nelle Case di riposo. Eseguono settimanalmente circa 150 visite a Cesena e 150 visite a Forlì. Le U.S.C.A. garantiscono, quindi, l’assistenza dei pazienti affetti da COVID-19 che non necessitano di ricovero ospedaliero. Queste unità sono attive sette giorni su sette, dalle ore 8.00 alle ore 20.00”

“Siamo particolarmente grati al Rotary per questa importante donazione – prosegue – destinata ad un servizio così  importante per le cure territoriali  e per il futuro della medicina domiciliare, sempre più  orientato allo sviluppo della telemedicina ”.

Sempre sensibile alle necessità del territorio, il Rotary Club di Forlì, con la collaborazione del Rotary Tre Valli, hanno avvertito la necessità di contribuire, in quest’epoca caratterizzata, purtroppo, dagli effetti della pandemia le attività delle U.S.C.A, interventi sanitari sul territorio  fondamentali per garantire le migliori cure ai pazienti e per evitare di sovraccaricare l’Ospedale. 

“Dall’analisi dei dati raccolti – spiega il presidente  del Rotary  Club Forlì,  l’ ingegnere Massimo Amadio- si è  deciso di donare alle U.S.C.A. del territorio forlivese . 2 pulsi-ossimetri , 1 sonda-ecografo portatile Wireless Cerbero, l’ecografo più piccolo, leggero e versatile al mondo, un Personal computer fisso , per i collegamenti Intranet nella sede forlivese dell’U.S.C.A., un Monitor HP , un Computer portatile  nel caso fosse possibile e autorizzato il collegamento dal domicilio all’applicativo Log80 per la compilazione dei referti tramite hotspot dallo smartphone del medico U.S.C.A. e creazione di una VPN (Virtual Private Network), 4 Stetoscopi , uno Stetoscopio pediatrico, un Otoscopio, Speculi auricolari pediatrici, una Bilancia pesa-neonati . In particolare il gruppo di lavoro del Rotary Club di Forlì che ha proposto questo service era formato dal sottoscritto, dal Dott. Gaddo Camporesi, Segretario, Dott. Franco Maria Guarini, Vice-presidente , Dott. Salvatore Ricca Rosellini, Past President “