Forlì, contributi per anziani in strutture residenziali private

0
277

(Sesto Potere) – Forlì, 20 marzo. C’è tempo fino al 30 giugno per richiedere l’erogazione di contributi a sostegno del pagamento della retta a favore di anziani inseriti in strutture residenziali private (non accreditate) di diverse tipologie: Casa Residenza per anziani non autosufficienti; Casa di Riposo; Comunità Alloggio o Gruppo appartamento rientrante nella “White List” (elenco delle strutture in linea con i requisiti di qualificazione previsti dall’apposito regolamento comunale).

A beneficiarne sono le famiglie forlivesi in difficoltà che non riescono a sostenere l’impegno economico di assistenza a domicilio del proprio anziano in condizioni di grave e complessa non autosufficienza. 

rosaria tassinari

“Grazie a una partnership virtuosa con la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì abbiamo messo in campo più di 170 mila € per l’erogazione di questi inediti contributi” – spiega l’Assessore al welfare, Rosaria Tassinari – “il budget del progetto ci permette di intercettare un’ampia platea di beneficiari che, in condizioni normali, non riuscirebbero a farsi carico di un’adeguata assistenza domiciliare dei propri anziani dovendo al contempo destreggiarsi con situazioni reddituali difficili. L’intervento del Comune, a sostegno di queste famiglie, è davvero prezioso perché ‘accompagna’ l’inserimento dell’anziano nella struttura privata per un tempo necessario a consentire il superamento della problematica. Così facendo, la famiglia non viene lasciata sola ma la si affianca in un percorso di superamento delle proprie fragilità economiche garantendo, al tempo stesso, la presa in carico e l’assistenza dell’anziano in adeguate strutture residenziali del territorio”. 

I requisiti e le modalità per accedere al contributo sono dettagliati nell’apposito Avviso pubblico (con scadenza al 30/06/2021) reperibile sul sito web del Comune di Forlì, tra le “Notizie” riportate nella home page oppure al link http://www.comune.forli.fc.it/servizi/bandi/bandi_fase02.aspx?ID=14070Il contributo può essere di 150, 300 o 500 euro al mese, in base alla condizione economica della famiglia, e di norma ha durata di 6 mesi, con eventuale rinnovo.