Forlì, Centri estivi: tornano i voucher per le famiglie

0
162

(Sesto Potere) – Forlì, 29 aprile. Anche quest’anno, il Comune di Forlì aderisce al progetto regionale di conciliazione vita-lavoro, finanziato con risorse del fondo sociale europeo, volto a sostenere le famiglie di bambini/ragazzi nella fascia dai 3 ai 13 anni per la frequenza dei servizi/centri estivi, attraverso l’abbattimento delle rette (voucher).

“Per l’estate 2021” – spiega l’Assessore alle politiche educative Paola Casara – “il voucher si sostanzia in un contributo di € 84,00 per ogni settimana di frequenza fino ad un massimo di 4 settimane (€ 336,00); ma è prevista anche la possibilità di riconoscere il contributo per un numero superiore di settimane nel caso in cui il costo settimanale sia inferiore ad € 84,00.”

casara e zattini

“Si tratta di una misura conciliativa davvero importante per le nostre famiglie che, mai come quest’anno, hanno dovuto affrontare momenti difficilissimi di conciliazione dei tempi di vita con quelli lavorativi. Penso soprattutto alle donne, che per accudire i propri figli costretti a casa con la didattica a distanza, hanno dovuto fare ricorso allo smart working, rimodulando i propri stili di vita. Queste risorse, destinate a una platea di beneficiari ancora più ampia di quella dello scorso anno, ci permettono di potenziare l’offerta di servizi e opportunità diurne estive nel periodo di sospensione delle attività scolastiche, consentendo al tempo stesso una graduale ripresa della socialità dei nostri ragazzi, dopo lunghi mesi di duro isolamento”.

“Il Covid ha infatti fortemente limitato la possibilità per i bambini e gli adolescenti di accedere ad attività di arricchimento educativo e ad occasioni di interazione sociale. La riapertura di questi luoghi rappresenta, dunque, un’attesa boccata d’ossigeno per la nostra comunità. Naturalmente” – conclude l’Assessore Casara – “i centri estivi convenzionati con il Comune riapriranno nelle condizioni di massima sicurezza possibile per i bambini, le famiglie e il personale impegnato in questa attività, la cui tutela rimane il nostro primo obiettivo.”