Forlì, cantiere aperto all’Auditorium della Musica e primo ‘lancio’ a cittadini e imprese dell’Art Bonus

0
188

(Sesto Potere) – Forlì – 8 ottobre 2021 – Nuovo evento, dopo la conferenza stampa del luglio scorso, per presentare alla città l’ “Art Bonus Forlì, sostieni la rinascita“, il nuovo progetto di partecipazione e raccolta fondi del Comune di Forlì rivolto alle imprese ed ai cittadini del territorio per valorizzare beni culturali e spazi pubblici che necessitano di un recupero e di una piena restituzione alla comunità.

L’occasione, oggi pomeriggio, di fronte ad una platea qualificata, per uno spettacolo del pianista jazz Danilo Rea, andato in scena nel cantiere del “Nuovo Auditorium della Musica”, all’ ex Gil di viale della Libertà, nell’ambito del progetto europeo: “Revival”.

Sono intervenuti l’assessore alla Cultura, Valerio Melandri, il sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini, i tecnici progettista e direttore dei lavori che hanno curato il progetto della “Casa della musica”, alla presenza dell’assessore al Bilancio Vittorio Cicognani per illustrare un’opera già interamente finanziata dalle casse comunali (4,5 milioni di euro) ma che potrebbe godere del riconoscimento per gli “Art bonus”, come possibile compartecipazione alla spesa.

L’assessore Melandri ha illustrato il meccanismo dell’ “Art Bonus” (video e sito web) rivolto a cittadini, imprese, professionisti e associazioni di categoria che potranno beneficiare grazie ad di un vantaggioso credito d’imposta, pari al 65% della propria donazione da usufruire in un arco temporale da definire per concorrere a recuperare alcuni beni del patrimonio artistico della città di Forlì.

 Ad esempio, il “Nuovo auditorium Città di Forlì” – che prenderà lo spunto dal progettato originario di Cesare Valle, con 400 posti complessivi a sedere (324 in platea, i restanti 76 in galleria), sala prove, bar, foyer, spogliatoi e camerini per gli artisti, palco semovente e maxischermo. Una struttura fruibile dal 2023, che ospiterà concerti di musica classica e moderna e potrà essere intitolata all’azienda o al partner privato che volesse usufruire dell’ “Art Bonus” con una donazione.

“Un meccanismo che, nello spirito di collaborazione, per funzionare bene deve mettere in moto tre gambe: ente pubblico e soggetti privati profit e non profit“: ha detto l’assessore Melandri che ha illustrato anche le caratteristiche del progetto “Revival – Revitalization and Reuse of the lost heritage in the Adriatic landscape”.

Un progetto cofinanziato dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Croazia dell’Unione Europea, di cui il Comune di Forlì è capofila in collaborazione con altre sette città d’Europa, e che permetterà di trasformare una parte del patrimonio culturale “perduto o abbandonato” in una leva per la valorizzazione storico architettonica e lo sviluppo territoriale.

Illustrati, oltre al “Nuovo Auditorium” ed al “Museo della Ginnastica e del corpo” ospitati all’ ex Gil, anche i progetti di recupero di: Viale della Libertà, dei Giardini Pubblici/Parco della Resistenza, del monumento di piazzale della Vittoria, del futuro “Museo dei mosaici del volo” all’interno dell’ex collegio aeronautico sempre in piazzale della Vittoria, in una parte del palazzo che attualmente ospita gli Istituti comprensivi 1 e 2.

E’ intervenuto anche il sindaco Gian Luca Zattini a raccontare più nel dettaglio alcuni particolari del recupero del ‘Quartiere razionalista’ di Forlì.

“Il monumento ai caduti di piazzale della Vittoria è uno dei più belli di Forlì, le statue bronzee sono alte quasi 4 metri e mezzo, e quando saranno restaurate sarà possibile per la cittadinanza e le scolaresche avvicinarsi e vederle da vicino”: ha detto fra l’altro Zattini.

L’idea è quella di rendere i lavori del restauro visibili giorno per giorno in una sorta di “cantiere didattico” prima del recupero completo e la restituzione a nuova vita del grande obelisco con fontane e cappelle votive, sormontate dalle statue di bronzo oggi fortemente segnate dal passare del tempo e dall’inquinamento.

Sono giunti infine i ringraziamenti del sindaco ai protagonisti del recupero dell’ ex Gil.

“Senza il nostro dirigente ai lavori pubblici, Ing. Gian Luca Foca e l’architetto Chiara Atanasi Brilli (direttore dei lavori e progettista), tutto questo non sarebbe stato possibile. Grazie prima di tutto a loro, che sono la mente e il braccio di questo progetto.
Grazie poi a Valerio Melandri – Assessore Università e Cultura di Forlì e a tutto il suo staff che segue e cura il progetto dell’Art Bonus. Grazie a tutti i tecnici, i professionisti e i funzionari del Servizio Cultura e Turismo del Comune di Forlì, al loro straordinario dirigente Dott. Stefano Benetti che muove le fila di tutta l’offerta culturale della nostra città”: le parole del sindaco Zattini.