(Sesto Potere) – Forlì, 25 gennaio. Al via in questi giorni i laboratori didattici ideati e realizzati dagli educatori ambientali del MAUSE – Multicentro per la sostenibilità e l’educazione ambientale nelle aree urbane, che fino al termine dell’anno scolastico saranno impegnati nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio con attività inerenti ai temi della Sostenibilità e dell’Agenda ONU 2030.

Ad essere coinvolti saranno in particolare circa 1500 studenti e studentesse degli Istituti Comprensivi e delle scuole paritarie del Comune di Forlì, che hanno aderito lo scorso autunno ai laboratori promossi attraverso la settima edizione del Catalogo dell’Offerta Formativa.

“Come ogni anno” – commenta l’Assessore Paola Casara – “siamo a fianco delle iniziative e dei percorsi di apprendimento ideati e promossi dai professionisti del MAUSE. Ne sosteniamo con forza gli obiettivi e i valori improntati al rispetto dell’ambiente, nella consapevolezza che c’è ancora tanto da fare per far crescere e diffondere, nella popolazione giovane e adulta, conoscenze e comportamenti virtuosi in materia di sostenibilità ed economia circolare.”

In calendario per i mesi di gennaio e febbraio ci sono il percorso dedicato alla scoperta delle risorse del Pianeta per mezzo del coding – metodologia trasversale della cultura digitale, che consente di apprendere come usare in modo critico la tecnologia favorendo lo sviluppo del pensiero computazionale – e gli incontri con letture animate volti alla conoscenza dei principali gruppi di alimenti e dei benefici derivati dalla loro assunzione nella dieta.

Sempre a febbraio, gli studenti più grandi saranno occupati a misurare la sostenibilità a 360°gradi della propria scuola, grazie ai “Laboratori Agenda 2030 a scuola” coordinati e finanziati da ARPAE Emilia-Romagna, che accompagneranno gli alunni in un percorso che connette le problematiche più attuali e gli strumenti per affrontarli (i 17 SDG’s di Agenda ONU 2030) al loro ciclo di studi e alle azioni della vita quotidiana.

A questi primi percorsi, si aggiungeranno nei mesi primaverili i focus didattici sulla biodiversità, l’energia – con la visita al Campo solare di Villa Selva – le produzioni alimentari a filiera corta, la crisi climatica e la prevenzione alla diffusione della zanzara tigre.

Oltre ai laboratori condotti direttamente dal personale del Multicentro MAUSE, uno dei Centri per l’Educazione alla Sostenibilità (CEAS) della regione Emilia-Romagna, tutte le scuole saranno inoltre interessate fino al mese di giugno dai laboratori e le uscite svolti da altre 36 tra realtà e professionisti del territorio, attivi con passione e impegno nella promozione e nell’educazione alla sostenibilità ed alla cittadinanza attiva.