(Sesto Potere) – Forlì – 16 novembre 2022 – Il libro I figli che non tornano (Italic Pequod, 2021) di Matteo Zattoni, nella foto in alto, sarà protagonista sabato 19 novembre, alle ore 17,30, a Palazzo Albicini, presso l’ex-Circolo Della Scranna, in Corso Garibaldi 80.

L’Associazione Aurora e il Centro Culturale L’Ortica, presentano il libro di  Matteo Zattoni e dialogherà con l’autore Cesare Pomarici,  dottorando di ricerca in Italianistica presso le Università di Losanna e di Bologna.

I figli che non tornano.come scrive Maurizio Cucchi nella prefazione al libro, “si può ben definire un romanzo in versi,” che l’autore riesce a condurre “a termine conservando la piena intensità espressiva pagina dopo pagina e dunque senza cadere nel pericolo di interni passaggi inerti, che è sempre in agguato in componimenti d’ampio respiro poematico.”.

L’opera si articola in tre parti: in ciascuna di esse vengono presentati uno stadio della vita e la specifica generazione di riferimento.

Il primo capitolo «Lo slancio dell’inizio», che ha come protagonista la generazione dei figli nati tra gli anni ’70 e ’80, affronta l’età dell’adolescenza.
Il capitolo successivo, che dà il titolo al libro,  è incentrato sulla vecchiaia, sulla scomparsa dei propri cari.
Una sezione specifica è rivolta anche al mutato rapporto tra padri e figli, dove i primi sono sempre più fragili e spauriti a misura che i secondi diventano più adulti e indipendenti.
L’ultima parte  è dedicata infine all’età di mezzo, una generazione nata tra gli anni Trenta e Quaranta del secolo scorso che va scomparendo. 

Matteo Zattoni.  nato a Forlimpopoli nel 1980, risiede a Forlì. Laureato in Giurisprudenza, è Dottore di ricerca (Ph.D.) in «Filosofia del Diritto» presso l’Università Statale di Milano. Ha pubblicato vari libri di poesie conseguendo alcuni premi. Inoltre sue poesie sono apparse in antologie pubblicate da Mondadori.