Finanza sequestra in Campania 1,2 mln di mascherine con certificazioni false. Accertamenti anche a Modena

0
243

(Sesto Potere) – Modena – 26 maggio 2020 – La Guardia di Finanza informa che  numerosi imprenditori operanti nei più disparati settori commerciali, soprattutto nell’area napoletana, hanno “fiutato l’affare” e si sono cimentati nell’importazione di dispositivi di protezione individuali importati prevalentemente dalla Cina, privi di idonee certificazioni circa la sicurezza e affidabilità del prodotto e riportanti falsamente il marchio “CE”.

In 8 accessi ispettivi, infatti, le Fiamme Gialle hanno sequestrato complessivamente più di 1,2 milioni di mascherine per la quasi totalità classificate FFP2 / KN95, ma anche 64.000 mascherine FFP3, tutte risultate prive di idonea certificazione e con marchio “CE” contraffatto in quanto accompagnate da certificati qualitativi rilasciati da enti non accreditati, ovvero relativi ad altri prodotti o, ancora, completamente falsificati.

In un caso, in particolare, s’è accertata la spregiudicata politica di accaparramento delle mascherine da parte di un operatore professionale del settore con unità locali anche in altre regioni d’Italia, che in qualità di grossista aveva acquistato una partita di merce da un importatore “improvvisato” che opera nel campo dei “bed and breakfast” e nella produzione di abbigliamento con magazzino in Palma Campania (NA).

L’immediata estensione dei controlli presso l’importatore, ha quindi permesso di rinvenire oltre 556.000 mascherine acquistate per lo più da una società con sede in Ungheria, ma provenienti direttamente dalla Cina, tutte aventi le medesime caratteristiche di quelle già sequestrate nell’ingrosso di ferramenta, ovvero accompagnate da un certificato di qualità con l’apposizione di un marchio “CE” contraffatto.

Sono state, dunque, eseguite diverse perquisizioni in altre province d’Italia: a Napoli, Roma ed anche al Nord, a Modena, presso diversi acquirenti finali delle mascherine già distribuite al dettaglio. Sono state, inoltre, intercettate presso un corriere espresso di Arzano (NA) altre due spedizioni di mascherine analoghe provenienti direttamente dalla Cina e destinate al mercato nazionale.

Sommando l’esito degli ultimi sequestri ai numerosi interventi già svolti recentemente nei confronti di diverse categorie di dettaglianti, i Reparti del Comando Provinciale di Caserta dall’inizio dell’emergenza hanno tolto dal mercato oltre 1,5 milioni di mascherine FFP2 o FFP3 non certificate

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here