Festival Caterina Sforza Forlì, ArticoloUno: “bizzarro guazzabuglio”

0
224

(Sesto Potere) – Forlì – 9 settembre 2020 – Anche ArticoloUno Forlì , come altre forze politiche di sinistra, prende di mira il Festival dedicato a Caterina Sforza che si terrà dal 17 al 19 settembre all’arena San Domenico (qui a lato la locandina).

Sotto accusa la locandina che presenta l’iniziativa e annuncia i contenuti della seconda serata,  dove si affronterà il tema della libertà toccando in parallelo due eventi storici della nostra storia patria il Fascismo (e la Resistenza, con citazione dei membri del  Battaglione Corbari ) e il Terrorismo (con riferimento a Giovanni Senzani  Brigatista Rosso nato a Forlì), con la proiezione di video e lettura di articoli di giornale. 

“Sciatteria culturale e tentazioni revisioniste intridono la presentazione del festival forlivese dedicato a Caterina Sforza in un bizzarro guazzabuglio che appare più concentrato sul secolo breve che sul tardo rinascimento locale; inclinazione peraltro non  nuova, durante il ventennio era consueto celebrare la figura di Mussolini paragonandolo al figlio di Caterina, Giovanni dalle Bande Nere.”: è la critica di ArticoloUno Forlì.

“L’incipit del volantino che descrive testualmente il “duce Mussolini, passato alla storia come dittatore” è già in sé risibile nella pochezza del tentativo di insinuare che Mussolini potesse essere ricordato anche per altro. Tocca ricordare a chi ancora pare non accettarlo che non risulta esistere un ufficio reclami a cui ricorrere per i giudizi storici. Per sgombrare il campo da equivoci sulle inclinazioni alla revisione, l’estensore aggiunge inoltre un agghiacciante parallelo tra l’esposizione dei corpi di Corbari e Versari e quelli di Mussolini e della Petacci (vedi foto qui a lato), in un antistorico tentativo di nascondere con patetico lirismo da destini incrociati che la macabra pratica delle istituzioni fasciste della RSI di esporre i corpi dei partigiani fu abbastanza frequente da rendere evidente la ragione per cui la storia abbia decretato che il fascismo null’altro fu che che una dittatura”: scrive in una nota ArticoloUno Forlì.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here