Festa per i 55 anni di vita della Round Table 6 Forlì

0
178

(Sesto Potere) – Forlì – 26 giugno 2021 – Una festa all’insegna dell’amicizia, condita da un po’ di sana goliardia, ma anche decisamente proiettata a ricordarsi quanto sia importante la promozione di alti valori morali, di pace, e l’impegno in iniziative al servizio della Collettività. Sono stati celebrati così i 55 anni di vita della Round Table 6 Forlì, il sodalizio che per statuto è composto da giovani professionisti e imprenditori fino ai quarant’anni, sorto in città il 7 maggio del 1966 con la prima presidenza assunta da Luigi Fratesi.

Nel corso della serata è anche avvenuto qualcosa di speciale, come la nomina di un nuovo membro d’onore a vita della Tavola, Paolo Cicognani, 45 anni libero professionista, che anche una volta terminata la stagione di membro attivo fino ai quarant’anni, ha sempre mostrato un esemplare comportamento di serietà, impegno e affetto verso la Tavola.

A investire Cicognani, è stato un altro membro d’onore a vita della RT6, Stefano Cimatti che ha commentato: “Finora ero l’unico tra i membri d’onore a vita a non essere mai stato presidente di Tavola, da oggi con grande piacere si aggiunge anche Paolo”. Cicognani, visibilmente commosso dall’investitura a sorpresa, ha ringraziato: “Non credo di meritare tanto, ma farò sempre del mio meglio per onorare questo vostro segnale di amicizia e stima nei miei confronti. Grazie”.

All’evento, nella bella cornice di Casa Spadoni a Faenza, ha portato il suo saluto Martino Marcatali, presidente nazionale della Round Table: “Sono felice di essere qui a festeggiare con voi i 55 anni della Tavola di Forlì, una delle più importanti a livello nazionale. Lunga vita alla RT6 Forlì, lunga vita alla Round Table”. Francesco Valpiani, presidente della Round Table 6, ha ricordato i diversi service svolti anche quest’anno nonostante la pandemia, e ha aggiunto: “E’ stato un anno bellissimo, proficuo per la crescita personale, e ringrazio tutti gli amici di Tavola che mi hanno sostenuto nella mia responsabilità”. Sono poi intervenuti molti degli ex presidenti che si sono susseguiti negli anni: Tiziano Tampellini (1980/81), Loris Camprini (1982/83 – 83/84), Fabio Fabbri (1984/85), Mario Bassi (1986/87 – 87/88), Giangiacomo Pezzano (1989/90), Vanni Gaudenzi (1991/92), Massimo Balzani (1994/95 – 95/96), Gaddo Camporesi (1998/99), Marco Maltoni (1999/2000), Giorgio Rusticali (2000/01), Nicola Poponi (2002/03), Fabio Porcellini (2003/04), Gianluca Focaccia (2004/05), Riccardo Pinza (2006/07), Sauro Garavini (2008/09), Alessandro Zaccheroni (2012/13), Stefano Versari (2013/14), Samuele Turci (2014/15), Alessandro Rani (2015/16), Paolo Di Gianni (2016/17), Andrea Marchetti (2017/18), Roberto Antonelli (2019/20).

Impossibilitato a partecipare di persona, ha inviato un suo messaggio scritto di saluto il past president, Roberto Pinza (1975/76). Anche l’ex presidente di Tavola, Emanuele Ciani (2018/19), pure impossibilitato a partecipare, ha fatto giungere i suoi saluti.

Non è mancato un momento di ricordo per due ex presidenti che non ci sono più, Domenico Benelli e Giancarlo Montruccoli.
Un motivo d’orgoglio per la Round Table Italia è l’aver contribuito alla nascita nel 1987 di Telefono Azzurro. E al vertice della Round Table Italia in quell’anno c’era il forlivese Loris Camprini che ha ricordato: “Nel corso di una cena a Modena nacque l’idea con Ernesto Caffo, fondatore e attuale presidente di Telefono Azzurro, di fare qualcosa a sostegno dei bambini in difficoltà. In quegli anni raccogliemmo ingenti somme per far nascere Telefono Azzurro. Ricevemmo il premio come migliore service a livello mondiale”.

Giangiacomo Pezzano, altro ex predidente nazionale, ha sottolineato: “La Round Table sottoscrisse il Trattato di tutela dell’infanzia davanti all’Assemblea delle Nazioni Unite. Fu il primo club service ricevuto in Assemblea delle Nazioni Unite”.