Ferrara, polizia chiude minimarket bengalese per 30 giorni

0
307

(Sesto Potere) – Ferrara – 29 aprile 2020 – Il Questore di Ferrara in data odierna ha disposto l’ennesima chiusura e sospensione dell’attività del minimarket di via Bologna, gestito da una famiglia di etnia bengalese per un periodo di 30 giorni ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S.. La determinazione è dovuta al fatto che in precedenza, con la gestione del marito, l’attività è stata sospesa per ben tre volte, due da parte del Questore, una dal Prefetto nonché una quarta ad opera dalla Guardia di Finanza per accertate mancate emissioni di scontrini fiscali.

Con il passaggio della titolarità dell’esercizio alla moglie, le violazioni nella gestione dell’attività si sono ripetute nel tempo, non ultime quelle relative alla commercializzazione di prodotti scaduti di validità anche di oltre 5 mesi e di altre violazioni anche di carattere penale sempre in ordine a ricettazione o spendita di banconote false.

La settimana scorsa la titolare è stata colta in flagranza per aver ricettato merce, circa 30 flaconi di deodoranti che un malvivente aveva rubato in un discount cittadino.

La perquisizione locale ha consentito di rinvenire materiale provento di altri furti.

Le indagini permettevano di stabilire una vera e propria collaborazione illecita tra la titolare del negozio, che di fatto ricettava merce rubata, e i ladri seriali che effettuavano furti su “commissione” con la consapevolezza di tutta la famiglia.

L’art. 100 ha recentemente subito una modifica legislativa con il cd. Decreto Sicurezza che ha ampliato il potere del Questore di sospendere la licenza dei pubblici esercizi qualora gli stessi siano fonte di problematiche relative al degrado delle città e delle periferie urbane. Uno degli aspetti maggiormente preso in esame negli ultimi anni è quello appunto relativo ai fenomeni che condizionano negativamente la vivibilità degli ambienti cittadini .

Prosegue da parte della Squadra della Polizia Amministrativa della Questura, il servizio di controllo agli esercizi commerciali, finalizzato a verificare la correttezza nella conduzione di tali attività, a riscontrare eventuali irregolarità amministrative ed all’accertamento, più in generale, di ogni forma di illecito commerciale relativa alla vendita al dettaglio di prodotti alimentari e non, anche sotto il profilo igienico sanitario.

Sono tre gli esercizi commerciali chiusi nei primi 4 mesi dell’anno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here